FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, il Pentagono prende tempo sullo stop ai transgender nelle forze armate

Il capo dello Stato Maggiore congiunto ha spiegato che la direttiva annunciata da Donald Trump non sarà attuata "fino a nuovo ordine"

Usa, il Pentagono prende tempo sullo stop ai transgender nelle forze armate

Il Pentagono non applicherà "fino a nuovo ordine" la decisione annunciata via Twitter del presidente Usa, Donald Trump, di non consentire l'accesso ai transgender nelle forze armate americane. A chiarire la posizione del quartier generale del Dipartimento della Difesa è stato il capo dello Stato Maggiore congiunto Joseph Dunford, in una comunicazione ​ interna ai vertici militari.

Attesa per il segretario della Difesa - Dunford ha dichiarato che "non ci saranno modifiche alla policy attuale finché l'orientamento del presidente non sarà ricevuto dal segretario della Difesa e finché il segretario non diffonderà una guida sulla applicazione". "Intanto - ha aggiunto il capo dello stato maggiore congiunto - continueremo a trattare tutto il nostro personale con rispetto. Viste le sfide attuali che affrontiamo, resteremo concentrati sul compimento delle missioni a noi assegnate".

In un tweet, Trump aveva scritto che "il governo non accetterà o consentirà ad individui transgender di servire nelle forze armate".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali