FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa 2020, tris di Biden nelle primarie: dopo Florida e Illinois vince in Arizona, sarà lo sfidante di Trump

Salvo clamorose sorprese nelle ultime votazioni rimaste, lʼex di Obama ha staccato Bernie Sanders e prepara la campagna contro il tycoon

Usa 2020, il secondo super martedì di primarie Dem vinto da Biden

Joe Biden fa tris e vince anche le elezioni in Arizona, secondo le proiezioni dei principali Usa americani. Tre su tre dunque, dopo il trionfo in Florida e in Illinois. Nell'ennesimo supermartedì delle primarie democratiche americane Joe Biden fa tris e spazza via Bernie Sanders, soprattutto con una vittoria a valanga nel Sunshine State. Sarà l'ex vice di Obama a sfidare Donald Trump alle elezioni per la Casa Bianca.

Si fosse votato anche in Ohio (ma il voto è stato rinviato per l'emergenza coronavirus) sarebbe stato un trionfo completo per l'ex vicepresidente americano che - salvo clamorose sorprese - ha ormai vanificato qualunque chance di rimonta dell'avversario, con 18 stati conquistati e almeno 1.400 delegati agguantati sui 1.991 necessari per la nomination. Donald Trump, se ce n'era bisogno, adesso sa che nelle urne il 3 novembre sfiderà quello contro cui ha combattuto in questi anni: l'eredità di Barack Obama che in tutti i modi ha tentato di rottamare.

 

Trump deve combattere anche contro il coronavirus - Il tycoon, vincendo anch'egli nelle primarie senza rivali in Florida e Illinois, si è assicurato un numero di delegati ormai sufficiente per conquistare la nomination repubblicana. Verrà incoronato nella convention di Charlotte a fine agosto, ma l'emergenza del presente, quella dell'incubo coronavirus, rende il futuro più che mai incerto. Senza un'azione decisa - ha avvertito senza mezze parole il segretario al tesoro Steve Mnuchin - si rischia una disoccupazione al 20%, altro che crisi del 2008. Lo spettro della recessione agita i sonni di un presidente che si gioca la rielezione sul terreno dell'economia.

 

 

Biden offre la mano a Sanders - Del resto gli ultimissimi dati sulla diffusione del contagio non lasciano presagire nulla di buono. Anzi, fanno tremare i polsi: oltre 6.000 in tutto il Paese ed almeno 118 morti. Una progressione impressionante in poche ore, e l'incubo degli incubi: il lockdown di New York dopo quello di San Francisco. Da questo scenario nasce l'appello di Biden, che tende la mano a Sanders nella speranza che il senatore molli e i democratici si possano concentrare unicamente sull'emergenza e sul bersaglio grosso, Donald Trump.

 

"Dobbiamo unire i democratici" - "Il mio obiettivo è quello di unire il partito democratico e di unite il nostro Paese in questo momento difficile e per battere insieme Trump", ha affermato l'ex vicepresidente americano: "Quello che serve ora è la speranza contro la paura, l'unità contro le divisioni, la verità contro le menzogne e la scienza contro la finzione". Saranno le prossime ore a dire se Sanders raccoglierà l'invito.
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali