FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Attacchi a Parigi, il papà di Valeria conferma: "Nostra figlia è morta"

La 28enne era al Bataclan quando è avvenuto lʼattacco. Sbagliati i conti sui morti: restano 129

Attacchi a Parigi, il papà di Valeria conferma: "Nostra figlia è morta"

Valeria Solesin, la 28enne veneziana che si trovava al Bataclan di Parigi al momento dell'attacco, è morta. A confermare la notizia, già comunicata dal padre del fidanzato della ragazza, Corrado Ravagnani, e dal sindaco di Venezia, è stato il papà Alberto: "Nostra figlia è morta, abbiamo la certezza ma manca solo per motivi burocratici l'ufficialità". La mamma Luciana Milani: "Valeria era una persona, una cittadina e una studiosa meravigliosa".

Attacchi a Parigi, il papà di Valeria conferma: "Nostra figlia è morta"

La mamma: "Mancherà a noi e all'Italia" - "Ci mancherà molto e credo, visto il percorso che stava facendo, che mancherà anche al nostro Paese per le doti che aveva", ha aggiunto Luciana Milani. La giovane venerdì sera era con il fidanzato Andrea nella sala concerti Bataclan i due si sono persi di vista subito dopo l'irruzione dei terroristi.

Mattarella: "Uccisa perché rappresentava il futuro" - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato ai genitori di Valeria Solesin un messaggio in cui esprime "cordoglio e solidarietà". "Valeria era figlia d'Italia e d'Europa. E' stata uccisa da mano barbara, fomentata da fanatismo e odio contro la nostra civiltà, i suoi valori di democrazia, di libertà e di convivenza. Valeria è stata uccisa, insieme a tanti altri giovani, perché - ha scritto ancora Il Capo dello Stato - rappresentava il futuro dell'Europa, il nostro futuro".

Il cordoglio di Renzi - Anche il premier Matteo Renzi ha espresso il "cordoglio del governo e di tutti noi alla famiglia di Valeria. Credo che non ci siano parole, faremo di tutto per ricordare questa giovane ricercatrice. Penseremo con la famiglia un modo, magari una borsa di studio".

Le parole del sindaco Brugnaro - Su Twitter il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha espresso il suo cordoglio: "A nome mio personale e di tutta la città di Venezia esprimo il cordoglio più profondo per la morte di Valeria Solesin". Il primo cittadino associa al tweet gli hashtag #ValeriaSolesin e #preghiamoassieme.

Valeria studiava alla Sorbona - Già sabato sera il ragazzo della giovane confermava la sua morte. "Andrea ci ha telefonato da Parigi e ci ha detto che Valeria è morta", ha detto una zia del ragazzo. La 28enne, dottoranda in demografia all'istituto di Demografia dell'Università Sorbona, viveva a Parigi da sei anni.

Difficile il riconoscimento delle vittime - Diversi Paesi sono in difficoltà per il riconoscimento delle vittime, molte delle quali hanno perso i documenti cercando di fuggire agli attacchi. Finora, ha riferito il premier francese Manuel Valls, sono stati identificati 103 corpi delle 129 vittime delle stragi di Parigi.

Morte Valeria, la procura di Roma indaga - La Procura di Roma, intanto, ha aperto un fascicolo sulla morte di Valeria Solesin. Gli accertamenti avviati a Piazzale Clodio vertono anche sul ferimento di due cittadini residenti a Senigallia. Gli inquirenti sono in stretto contatto con la Farnesina.

"Sta bene l'altra italiana coinvolta" - Laura Apolloni, l'italiana ferita nell'attacco di venerdì al Bataclan di Parigi "è stata operata e sta bene, anche se molto scossa". Lo ha detto il console italiano a Parigi, Andrea Cavallari. La Apolloni è rimasta ferita da un proiettile alla spalla destra.

Si aggrava bilancio: vittime sono 132 - E' salito a 132 morti il tragico bilancio delle stragi di Parigi. Tre dei feriti ricoverati all'ospedale non ce l'hanno fatta. 42 sono ancora in rianimazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali