FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spagna, dopo 45 anni madre incontra la figlia “Mi avevano detto che era morta”

Una telefonata anonima ha rivelato l’incredibile storia. “Me la misero tra le braccia appena nata. Poi la portarono e mi dissero che era morta”

Spagna, dopo 45 anni madre incontra la figlia “Mi avevano detto che era morta”

Conoscere la madre naturale dopo 45 anni. E’ quanto avvenuto ad Ana Belen, nata a Madrid e residente in provincia di Ciudad Real. La donna, che fino a pochi mesi fa non pensava di essere stata adottata, ha ricevuto una telefonata anonima in cui le veniva rivelata l’identità della sua vera madre: Pilar, 69enne oggi, ha perso la figlia nel 1973  sottratta dalle sue braccia appena nata e mai più riconsegnata. Le avevano detto che era morta.

“La prima volta che ho telefonato a mia madre, lei era rimasta confusa e sconvolta, aveva parlato poco e addirittura mi aveva riattaccato” - racconta oggi Ana Belen – “Poco dopo, però, mi ha richiamato e mi ha fornito tutti i dati relativi alla sua gravidanza e alla mia nascita: tutto coincideva alla perfezione”. E nelle conversazioni successive, la madre Pilar ha poi rivelato: “Quando mia figlia nacque, me la misero per un po' tra le braccia, poi la portarono via e mi intubarono, sedandomi. Una volta risvegliatami, mi dissero che la bimba era morta”.

Ana Belen è stata cresciuta da una famiglia adottiva, e il caso mette l’accento sulla questione dei bebé rubati, tolti alle loro famiglie naturali probabilmente in cambio di denaro. Ora comunque lei vuole recuperare il tempo perduto e a breve incontrerà anche il padre naturale e i due fratelli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali