FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Polemiche su Macron, spesi 26 mila euro per il makeup in tre mesi

DallʼEliseo fanno sapere che la truccatrice è stata chiamata solo in "situazioni di emergenza" e che spese simili "in futuro verranno ridotte"

Non solo spese per i viaggi presidenziali all'estero o per i soggiorni dei capi di stato in Francia, ora nel bilancio dell'Eliseo spunta una voce che sta facendo molto discutere: quella relativa alla truccatrice personale del presidente Emmanuel Macron. Il sito di informazione Le Point svela che per la cura dell'immagine estetica del presidente sono stati spesi ben 26 mila euro in tre mesi.

Sempre secondo il sito di informazione d'Oltralpe, la truccatrice, Natacha, ha presentato al segretario generale dell'ufficio del presidente due fatture, una più salata dell'altra, rispettivamente da 10 mila e 16 mila euro per il lavoro svolto nel corso dei visite di Stato all'estero e prima delle conferenze stampa. Per smorzare le polemiche, dall'Eliseo fanno sapere che la makeup artist è stata chiamata solo in "situazioni di emergenza" e che in futuro "tali spese verranno ridotte".

Di certo i predecessori di Macron non hanno risparmiato di più. François Hollande spendeva 6 mila euro al mese per il makeup e 10 mila per il parrucco, mentre Nicolas Sarkozy dave uno stipendio fisso al suo parrucchiere pari a 9,895 euro al mese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali