FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Perù, sei turisti nei guai per aver defecato tra le rovine del Machu Picchu

Li hanno sorpresi in unʼarea isolata del sito archeologico. La superficie di una parete di pietra era stata scrostata e poco più in là gli agenti hanno trovato anche delle feci

Machu Picchu

C'erano tre brasiliani, un argentino, un cileno e una francese. Non è l'incipit di una barzelletta, ma l'elenco dei turisti arrestati in Perù per aver vandalizzato uno dei templi sacri sulla cima del Machu Picchu. I sei avrebbero persino defecato ai piedi delle rovine. Tutti denunciati. Per l'argentino è scattato il fermo per danni all'eredità culturale del Paese.

Li hanno sorpresi in un'area isolata del sito archeologico. La superficie di una parete di pietra era stata scrostata e poco più in là gli agenti hanno trovato anche delle feci. Il turista argentino è stato trattenuto in Perù e dovrà rispondere dell'accusa di distruzione del patrimonio culturale del Paese. 
Machu Picchu è la misteriosa città Incas costruita intorno al 1400 e situata a circa 2.400 metri di altezza sulla valle dell'Urubamba. Fa parte dei Patrimoni dell'umanità dell'Unesco e nel 2007 è stato inserito tra le sette meraviglie del mondo.
Il sito viene visitato da più di un milione di persone all'anno. Il barbaro episodio ha sollevato grandi preoccupazioni per i danni provocati alle sue pietre. 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali