FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pakistan, elefante in catene da 28 anni Scatta la petizione per liberarlo

L’animale è in isolamento dalla fine degli anni ʼ80, quando aveva aggredito e ucciso un impiegato delle pulizie dello zoo di Islamabad

Pakistan, elefante in catene da 28 anni Scatta la petizione per liberarlo

È in catene da 28 anni, rinchiuso all'interno di una casupola nello zoo di Islamabad. E ora starebbe impazzendo. L'elefante indiano Kaavan non starebbe più reggendo il peso della situazione. E il suo continuo dondolare la testa, da destra a sinistra e da sinistra a destra, ne sarebbe un segno evidente. Se, da un lato, gli etologi hanno ipotizzato un “disagio mentale”, gli animalisti, dal canto loro, hanno già lanciato l'allarme.

La petizione - A denunciare per prima la condizione di maltrattamento, una turista americana di origini pakistane. Che, dopo aver visitato lo zoo e constatato l'evidente stato di stress di Kaavan, ha lanciato una petizione su Change.org per togliere le catene all'animale e garantirgli una vita migliore.

Il perché delle catene - L'elefante è incatenato dalla fine degli anni '80, quando aveva aggredito e ucciso un impiegato delle pulizie dello zoo. Poi, con la morte della compagna Saheli nel maggio 2012, la situazione sarebbe addirittura peggiorata. E avrebbe “obbligato” la direzione a inasprire le misure di sorveglianza nei confronti dell'animale, per impedirgli di aggredire i turisti.

La richiesta della libertà definitiva - Ma le associazioni animaliste non ci stanno. E attraverso la petizione online puntano a liberare definitivamente l'elefante dallo zoo per fargli vivere il resto della vita in una riserva naturale, insieme con i rappresentanti della sua specie.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali