FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuova Zelanda, per il premier lʼAustralia deve cambiare la bandiera

"Crea confusione, non è utile", ha accusato il primo ministro ad interim Winston Peters

Nuova Zelanda, per il premier l'Australia deve cambiare la bandiera

L'Australia deve cambiare la propria bandiera. Lo pensa il premier ad interim della Nuova Zelanda, Winston Peters. Il primo ministro ha infatti accusato il paese vicino di aver rubato il disegno della bandiera 'Kiwi', generando così solo confusione. "Noi l'abbiamo ideata e loro l'hanno presa in prestito. Se vogliamo risolvere la questione, devono cambiare la propria bandiera", ha detto infatti Peters alla stampa.

Cambia solo il numero di stelle"È palesemente ovvio che in tutto il mondo le persone fanno confusione. Sono stato in posti come la Turchia, ma anche altrove, e hanno confuso i nostri Paesi sulla base di quelle bandiere. Questo non è utile", ha voluto aggiungere lo stesso primo ministro neozelandese. Entrambi i paesi hanno la bandiera blu scura con il simbolo dell'Union Jack in alto a sinistra. L'unica differenza fra i due vessilli sta nel numero di stelle: 6 quella australiana, 4 quella neozelandese.

Gli elettori non vogliono cambiarePeters sta guidando temporaneamente la Nuova Zelanda, vista la gravidanza del primo ministro Jacinda Ardern, e vede la questione bandiera come una delle priorità per il suo paese. Ma due anni fa il governo di Wellington aveva proposto un referendum per modificare il proprio simbolo e il 56,6% degli elettori si era schierato per mantenere la propria tradizione.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali