FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Noemi Lakmeier, lʼartista disabile appesa a 20mila palloncini per combattere la paura della felicità

Eʼ rimasta in aria per nove ore, all’interno del Teatro dell’Opera di Sydney

Cherofobia. E' la paura di essere felici. Una paura che l'artista e psicoterapeuta viennese Noemi Lakmaier conosce molto bene. In sedia a rotelle dalla nascita, la ragazza ha deciso di combattere la cherofobia e la sua altra grande paura: quella di volare. E l'ha fatto con l'"aiuto" di 20mila palloncini, a cui è rimasta appesa per ben nove ore. La cornice è quella del Teatro dell’Opera di Sydney. Ma, guardando il video, per un momento sembra di essere catapultati dentro il film d'animazione Up.

Sydney, lʼartista disabile Noemi Lakmeier appesa a 20mila palloncini per combattere la paura della felicità

Cherofobia - La cherofobia è una condizione psichiatrica che consiste nella paura estrema di essere felici. Ed è il nome che Lakmeister ha deciso di dare alla sua installazione artistica. Un'installazione costuita dalla sua persona e dai palloncini, già proposta a Londra. 

La genesi dell'idea - Dopo aver superato la paura dell'aereo con un volo da Londra a Sydney, circa dieci anni fa, Lakmeister ha pensato che sarebbe stato bello volare e stare sospesa in aria grazie ai palloncini. Successivamente, ha visto il film Up, dove un uomo è volato dentro la sua casa grazie ai palloncini. Esattamente quello che avrebbe voluto fare lei. 

"C'è qualcosa di molto triste nell'aver paura di essere felici", ha dichiarato l'artista al The Sidney Morning Herald. E ha aggiunto: "Nell'essere sospesa in aria si percepisce la costante tensione tra i palloncini che ti tirano su e il peso del corpo che porta la pressione verso il basso. E' una costante lotta tra i due". 

Le paure che hanno spinto Lakmeister a portare avanti questo progetto sono accompagnate da altre motivazioni. In primis, una dichiarazione più ampia sull'essere umano. Sull'identità e sulle modalità con cui le persone si rapportano agli altri, trovano il loro posto nel mondo. In particolare, secondo l'artista, la lotta tra i palloncini e il corpo ci ricorda cosa significhi essere umani.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali