FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Nigeria, liberato don Maurizio Pallù: sto bene. Mi hanno rapito 2 volte in un anno

Rilasciato nella notte, il sacerdote sequestrato giovedì da un gruppo armato nel sud del Paese dice: "I rapitori erano musulmani, ma non era un sequestro religioso". Alfano: "Lo aspettiamo in Italia"

Il sacerdote italiano rapito in Nigeria, don Maurizio Pallù, è stato liberato. Lo ha annunciato, a Radio Capital, il ministro degli Esteri Angelino Alfano. Pallù era stato sequestrato, insieme ad altre due persone, il 12 ottobre da un gruppo armato mentre stava viaggiando da Calabar a Benin City, nel sud del Paese. "Sto bene, sono contentissimo. E' la seconda volta in un anno che vengo rapito", le prime parole del sacerdote rilasciate a Radio Vaticana.

Don Pallù, 63enne originario di Firenze, fa parte della diocesi di Roma ed è missionario in Nigeria come catechista del Cammino neocatecumenale. L'auto sulla quale viaggiava era stata assalita da un gruppo di uomini armati.

Don Pallù: "Sto bene, rapito due volte in un anno" - "Sto bene, sono contentissimo. Stiamo tornando ad Abuja". Sono le prime parole di don Maurizio Pallù, rilasciate a Radio Vaticana. "Il 12 ottobre - racconta - siamo stati prelevati sulla strada, sono venuti fuori sparando e poi ci hanno portato nella foresta. Eravamo tre, era una banda di rapitori, abbiamo camminato abbastanza verso un luogo solitario e poi siamo stati lì, loro avevano poco da mangiare, ci davano quello che avevano, siamo andati avanti, abbiamo bevuto l'acqua del torrente, un'acqua marroncina. Comunque siamo in vita. In tre siamo stati presi come ostaggi, un fratello nigeriano, una studentessa nigeriana, e io. Ci hanno rilasciati intorno alle 10 di sera".

"Rapitori musulmani, ma non era un sequestro religioso" - Don Pallù spiega che è la seconda volta che subisce un rapimento in un anno "questa è stata più difficile della prima, ma ho visto i miracoli che il Signore ha fatto. Ho avuto paura di morire. Ora sto bene". I rapitori, aggiunge, "erano musulmani ma non era un rapimento religioso, non c'era odio". E' stato pagato un riscatto? "Non so niente", la risposta del missionario.

Alfano: "Lo aspettiamo presto in Italia" - In mattinata, Alfano aveva dato l'annuncio del rilascio del sacerdote: "Nel corso della notte l'unità di crisi della Farnesina mi ha comunicato la liberazione di don Maurizio Pallù, il presbitero missionario che era stato rapito in Nigeria - ha detto -. Lo aspettiamo presto in Italia".

Domenica aveva rassicurato i cari - Già nella giornata di domenica, don Maurizio aveva rassicurato i suoi cari, telefonando e dicendo loro che stava bene. Aveva inoltre annunciato la sua liberazione da lì a pochi giorni. Era stata Laura, la mamma 92enne del religioso, a riferirlo durante una veglia di preghiera nella parrocchia di Santa Lucia La Sala a nord di Firenze.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali