FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Messico, il boss del narcotraffico "El Chapo" Guzman estradato negli Usa

Atterrato a New York, nel pomeriggio dovrà comparire in unʼaula del tribunale federale di Brooklyn

Messico, il boss del narcotraffico "El Chapo" Guzman estradato negli Usa

Joaquin "El Chapo" Guzman, l'ex signore messicano della droga, è stato estradato verso gli Usa dove dovrà rispondere di accuse legate al narcotraffico. El Chapo è arrivato a New York nella notte e nel pomeriggio comparirà in un tribunale di Brooklyn. L'ex capo del cartello di Sinaloa sarà processato in California e Texas e rischia la pena di morte.

Un anno dopo la sua cattura, l'8 gennaio del 2016, il superboss affronta ora la più temuta delle sue vicende giudiziarie. E' riuscito a scappare ben due volte dalle prigioni messicane, ma ora sarà processato - e sicuramente condannato - in California e in Texas. 

Il governo del presidente messicano Enrique Pena Nieto può tirare un sospiro di sollievo: la fuga del 'Chapo' dal carcere di massima sicurezza di El Altiplano, nel luglio del 2015, lo aveva posto in forte imbarazzo, a causa delle evidenti complicità con le quali aveva contato per una evasione rocambolesca, attraverso un tunnel sotterraneo lungo un chilometro e mezzo. A questo si aggiunge il fatto che, malgrado le manovre dilatorie degli avvocati del superboss - che sono arrivati a denunciare che le guardie che controllavano il 'Chapo' lo sottoponevano a molestie sessuali -, la richiesta di estradizione della giustizia americana è andata avanti senza intoppi e nei tempi previsti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali