FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Medjugorje da incubo per otto pellegrini trevigiani: il bus risulta rubato, arrestati

Brutta avventura per un gruppo fedeli di Fagarè, frazione di San Biagio di Callalta, per colpa di una "dimenticanza" del proprietario del bus

Medjugorje da incubo per otto pellegrini trevigiani: il bus risulta rubato, arrestati

Un pellegrinaggio da incubo a Medjugorje per otto fedeli trevigiani che sulla strada del ritorno sono stati fermati alla dogana tra Bosnia e Croazia e dopo una serie di controlli, sono stati sequestrati e tenuti in custodia in caserma per 15 ore. Il motivo? Il bus sul quale viaggiavano era stato rubato e poi ritrovato, ma per una dimenticanza del proprietario non era stato modificato il numero di telaio.

E' la brutta avventura capitata a otto fedeli in età compresa fra i 60 e i 70 anni, tutti residenti a Fagarè, frazione di San Biagio di Callalta, partiti come ogni anno per una vacanza religiosa in Bosnia. All'andata tutto bene, compreso le messe e i rosari puntualmente recitati. Ma al ritorno l'intoppo. Alla dogana il pulmino viene fermato dalla polizia che, dopo una rapida ispezione, prima ritira i documenti d'identità e poi intima alla comitiva di seguire l'auto di pattuglia. Dopo 30 km la comitiva approda in caserma e lì resta, in stato di fermo, per 15 lunghissime ore. Solo dopo una serie di controlli incrociati tra la questura trevigiana e quella croata si svela l'arcano: il pulmino era stato realmente rubato al noleggiatore italiano e poi finito in Montenegro nel 2015, ma grazie all'Interpol era stato intercettato e restituito. Peccato che il numero di telaio non era stato cambiato

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali