FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Medioriente, i Paesi islamici proclamano Gerusalemme est capitale della Palestina

Per il presidente turco Erdogan "almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari", e "anche il Papa" ha condannato la decisione di Trump di riconoscere la città capitale di Israele

Medioriente, i Paesi islamici proclamano Gerusalemme est capitale della Palestina

"Dobbiamo riconoscere lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall'idea che questo sia un ostacolo alla pace", e "Gerusalemme come capitale dello Stato occupato di Palestina". È l'appello lanciato dal presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, all'Organizzazione della cooperazione islamica a Istanbul, che ha accolto l'esortazione, dichiarando nel documento finale Gerusalemme est capitale della Palestina.

Sottolineando che "Gerusalemme è la nostra linea rossa" e che "almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari" alla decisione di Trump su Gerusalemme, il presidente turco ha ringraziato "tutti i Paesi che hanno condannato la decisione illegale, illegittima, invalida, contro la storia e la moralità" del presidente americano, "compreso il Papa".

Erdogan ha quindi mostrato una mappa dell'evoluzione della Palestina dal 1947 a oggi, come "dimostrazione che Israele è uno stato occupante". Il presidente turco ha quindi ringraziato "i nostri fratelli palestinesi che da secoli proteggono la sacralità di Gerusalemme", sottolineando che la città "è sacra anche per i cristiani".

A Erdogan si è aggiunto anche il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che ha incitato "gli altri Paesi a riconoscere lo stato palestinese sulla base delle frontiere del 1967 e con Gerusalemme Est come capitale". Per quanto riguarda la decisione di Trump, "la comunità musulmana non può tacere. Questa decisione presa dagli Stati Uniti è nulla e come se non fosse avvenuta".

Nella dichiarazione finale del vertice straordinario di Istanbul, l'Organizzazione della cooperazione islamica ha quindi riconosciuto "Gerusalemme est come capitale dello stato di Palestina occupato", invitando tutti i Paesi del mondo a fare altrettanto.

Appello di Rohani: "Islam sia unito contro la minaccia sionista" - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

Il vertice Ue si dissocerà dalla decisione di Trump - Il vertice Ue si dissocerà dalla decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e ribadirà la posizione già espressa lunedì a Benjamin Netanyahu: l'Europa è per una soluzione a due Stati e contro qualsiasi decisione che possa compromettere il raggiungimento di questo obiettivo. E' quanto si è appreso alla vigilia del summit europeo. I leader Ue, salvo colpi di scena, adotteranno una dichiarazione congiunta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali