FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Massacro Crimea, Putin: "Lʼattacco alla scuola è il risultato della globalizzazione"

Il presidente russo: "Sui social network, su internet, vediamo che cʼè unʼintera comunità che è stata creata. Tutto è cominciato con i tragici eventi negli istituti scolastici degli Usa"

La sparatoria in Crimea "è un risultato della globalizzazione". Ne è convinto il presidente Vladimir Putin, in riferimento all'attacco compiuto all'istituto tecnico di Kerch da uno studente 18enne della scuola, che ha ucciso 20 persone e si è poi tolto la vita. "Sui social network, su internet, vediamo che c'è un'intera comunità che è stata creata. Tutto è cominciato con i tragici eventi in scuole negli Usa", ha spiegato il leader russo.

"Noi dimentichiamo molto velocemente le cose brutte", ha aggiunto Putin sottolineando tuttavia che nel passato ci sono state tragedie "nella Federazione russa" molto gravi.

L'autore della strage è stato "umiliato dai compagni in passato"  - Nel frattempo emergono nuovi particolari sulla vita di Vladislav Rosliakov, il 18enne individuato dagli inquirenti come il responsabile della strage dell'istituto tecnico di Kerch. Il giovane avrebbe voluto vendicarsi dei suoi compagni che lo umiliavano e "non aveva più voglia di vivere". Lo ha dichiarato la sua fidanzata, intervistata dalla rete televisiva russa RT. "Raccontava di aver perso la fiducia nelle persone dopo che alcuni compagni di classe avevano iniziato ad umiliarlo perché non era come gli altri", ha spiegato la ragazza, una quindicenne che ha voluto conservare l'anonimato. "Avevamo un interesse comune, anch'io mi esercitavo al tiro al bersaglio, attività che appassionava anche lui, gli piacevano diversi tipi di armi. Quando parlavamo andava tutto bene, era gentile e sensibile e mi aiutava quando le cose andavano male", ha concluso la giovanissima. Ieri l'autore della strage ha assaltato la scuola con un fucile e un ordigno rudimentale, uccidendo almeno 20 persone prima di suicidarsi, mentre i feriti sono almeno 44.

Crimea, candele e fiori allʼindomani della strage al Politecnico

Bambole, peluche, fiori, candele: la Crimea in lutto piange i 18 studenti uccisi nel college universario di Kerch da un 18enne, prima che si suicidasse. Per tutta la notte l'omaggio della città alle vittime è stato costante e davanti all'ingresso della struttura teatro della strage si è formato un tappeto di pupazzi e fiori colorati ben visibile dalle prime ore del giorno

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali