FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Malta, uccisa la giornalista Daphne Galizia: indagava sui "Malta files" e i "Panama papers"

La cronista aveva ricevuto minacce di morte, tanto da sporgere denuncia quindici giorni fa. Eʼ morta in auto, travolta da unʼesplosione

Malta, uccisa la giornalista Daphne Galizia: indagava sui "Malta files" e i "Panama papers"

Una giornalista maltese, la 53enne Daphne Caruana Galizia, è rimasta uccisa nell'esplosione dell'auto su cui viaggiava. Non è chiaro che cosa abbia causato la deflagrazione, ma si sa che la cronista aveva ricevuto minacce di morte, tanto da presentare denuncia quindici giorni fa. La reporter aveva indagato sugli scandali finanziari "Panama papers" e "Malta files".

La ricostruzione - Secondo quanto riportano i media locali, la polizia ha identificato l’auto della donna intorno alle tre del pomeriggio. La potenza dell’esplosione ha sbalzato il veicolo fuori strada, sparpagliandone i detriti nell’area circostante. Anche il corpo della vittima è stato trovato fuori dall’abitacolo e non è ancora stato riconosciuto ufficialmente. La tragedia si è consumata a Bidnija, luogo di residenza di Galizia, nelle vicinanze della sua abitazione.
 

Indagava sugli scandali finanziari - La reporter, specializzata in giornalismo investigativo, era nota per le accuse di corruzione rivolte al primo ministro maltese, Joseph Muscat. Per la giornalista, dietro la compagnia pertrolifera Egrant - una delle aziende coinvolte nel caso "Panama papers" - ci sarebbe la moglie del premier, Michelle. Secondo quanto trapelato nelle ultime ore, Galizia avrebbe indagato anche sul dossier "Maltafiles", lo scandalo finanziario che vede coinvolti alcuni personaggi pubblici italiani. Al centro di entrambe le inchieste due Paesi, Malta e Panama, diventati i "paradisi" per gli evasori del Fisco.

Giornalista coraggiosa - Dopo aver lavorato per anni nel mondo della carta stampata (Sunday Times of Malta, Malta Indipendent, Taste&Fair) Galizia aveva destato scalpore con gli articoli postati sul suo blog personale, Running Commentary. Il sito, uno dei più letti a Malta, ospita inchieste giornalistiche e riflessioni personali. Un giornalismo "senza censure", non privo di attacchi personali, che le ha causato anche guai giudiziari.

Il successo - La sua popolarità aveva attirato l’attenzione dei media internazionali. Nel 2016 era stata inserita dal quotidiano statunitense Politico nella lista delle "ventotto persone che stanno modellando e scuotendo l’Europa" dopo il suo scoop sul coinvolgimento di Konrad Mizzi e Keith Schembri, due politici maltesi di primo piano, nello scandalo Panama papers.

Le reazioni - L’uccisione della giornalista ha destatato sdegno in patria e all’estero. Anche i suoi oppositori si sono affrettati a condannare l’attacco: "Tutti sanno quanto Galizia fosse critica nei miei confronti - ha detto il premier, Joseph Muscat - ma nessuno può giustificare questo atto barbaro". Poi ha ricordato il suo impegno a favore della libertà di espressione: "Nel nostro Paese chiunque ha il diritto di dire e scrivere ciò che pensa", ha rimarcato. Anche il presidente della Repubblica maltese, Marie-Louise Coleiro Preca, ha porto le condoglianze al marito e al figlio della vittima: "In questo momento, proprio mentre il Paese è scioccato da un crimine così feroce, invito tutti a misurare le parole, a non dare giudizi affrettati, a mostrare solidarietà".

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha condannato in un tweet il "brutale omicidio di Daphne Caruana Galizia: tragico esempio di giornalista che ha sacrificato la sua vita per ricercare la verità. Non sarà dimenticata".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali