FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Londra, Corte Suprema nega a "sposa dell'Isis" il diritto di tornare in Gb 

Ribaltato il precedente verdetto che aveva dato ragione alla ragazza e alla sua famiglia contro la revoca della cittadinanza britannica

Shamima Begum
-afp

Il Regno Unito non deve permettere il rientro in patria di Shamima Begum, ventenne "sposa dell'Isis", fuggita da Londra nel 2015 quando aveva 15 anni per unirsi ai miliziani del Califfato in Siria. Lo ha stabilito la Corte Suprema di Londra, rovesciando un verdetto precedente che aveva dato ragione al ricorso presentato dalla ragazza e dalla sua famiglia contro la revoca della cittadinanza britannica decisa d'autorità nel febbraio 2019.

Shamima Begum era una delle tre studentesse di East London che si erano recate in Siria nel 2015. Nel 2019 l'allora ministro dell'Interno Sajid Javid aveva sostenuto che la ragazza era bengalese per discendenza e che poteva dunque andare in Bagladesh, togliendo la cittadinanza alla ragazza.

 

 

Begum aveva contestato la decisione, sostenendo di non essere cittadina di un altro Paese e che la decisione dell'esecutivo britannico l'aveva lasciata apolide. Ricorsa in appello, aveva ricevuto il parere favorevole della Corte, fino alla sentenza attuale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali