FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Libia, lʼex premier Ghwell cerca lʼaccordo con il governo di Tobruk

Lʼobiettivo dellʼalleanza è quella di "formare un esecutivo congiunto con quello guidato da al Thani".

Libia, l'ex premier Ghwell cerca l'accordo con il governo di Tobruk

Khalifa Ghwell, l'ex premier libico protagonista nei giorni scorsi dell'assalto ad alcuni edifici governativi a Tripoli, "sta lavorando a una alleanza con il governo di Tobruk". Lo afferma una fonte qualificata vicina all'ex premier citata da Asharq al Awsat. "Il quartier generale di Fayez al Sarraj verrà attaccato, riconquisteremo tutta Tripoli, è solo questione di tempo", afferma la fonte.

L'obiettivo dell'alleanza è quella di "formare un esecutivo congiunto con quello guidato da al Thani". In Libia, di fatto, ci sono tre governi: quello di Sarraj, nato dall'accordo mediato dall'Onu e siglato in Marocco nel dicembre 2015; quello laico di Tobruk, in Cirenaica, guidato da Haftar, che può contare sull'appoggio del vicino Egitto e degli Emirati arabi uniti, che hanno già una base militare in Libia; e infine il governo islamista di salvezza nazionale che si era autosospeso dopo l'arrivo di Sarraj a Tripoli, nel marzo 2016, guidato da Khalifah Ghweil, sostenuto e finanziato da Turchia e Qatar.

Il governo di Tobruk, nell'Est della Libia, ha intanto reso noto che più di 1.000 soldati americani sarebbero stati dispiegati a Tripoli. In un comunicato riportato oggi dal quotidiano panarabo Asharq al-Awsat, l'esecutivo guidato dal premier Abdullah al-Thani ha affermato che i militari statunitensi sarebbero di base in uno dei quartieri periferici della capitale libica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali