FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Kenyatta in testa alle presidenziali in Kenya, per lʼopposizione è una farsa

Il presidente uscente avrebbe ricevuto il 55% dei voti contro il 44% dellʼavversario Odinga. Per i suoi avversari i risultati sono stati hackerati

Kenyatta in testa alle presidenziali in Kenya, per l'opposizione è una farsa

Scontri e proteste in Kenya dopo il voto presidenziale che, con i primi dati ancora parziali, vede il presidente uscente Uhuru Kenyatta in testa alle elezioni, con il 54,89% delle preferenze, sullo sfidante Raila Odinga, leader dell’opposizione, fermo al 44,28%i, con uno stacco di circa 1,3 milioni di voti in meno rispetto allo sfidante. La protesta è esplosa dopo che Odinga ha denunciato presunti brogli nei risultati, definendo l'elezione come una "farsa di enorme gravità".

Quartieri poveri in subbuglio - Nello slum di Mathare, a Nairobi, i sostenitori del leader d’opposizione Odinga hanno protestato costruendo della barricate con pneumatici infiammati, mentre nella baraccoli di Kisumu la polizia in tenuta antisommossa è intervenuta con i gas lacrimogeni per cercare di sedare le proteste scoppiate. I poliziotti hanno aperto il fuoco contro i manifestanti che lanciavano pietre, ferendone alcuni e uccidendone due. Nel quartiere di Kondele sono stati dispiegati dei camion-idranti per spegnere i roghi di pneumatici appiccati dai manifestanti. La preoccupazione è alta nel Paese, dopo che nel 2007 le violenze post-elettorali, che durarono due mesi, provocarono 1.100 morti e 600mila sfollati. La polizia sta pattugliando l’intera zona in elicottero.

La denuncia di brogli - La protesta si è infiammata dopo che il 72enne Odinga, che corre per la quarta volta, ha denunciato brogli nelle elezioni presidenziali, dicendo che il sistema informatico della commissione elettorale è stato hackerato, e che per questo la vittoria è stata attribuita al presidente uscente Uhruru Kenyatta, come già accadde nelle elezioni truccate del 2007 e del 2013 che gli negarono anche allora la vittoria . “È solo una grande farsa, tutto un grande bluff”, ha denunciato il leader Odinga: “non c’è stata una vera elezione, così come nelle due precedenti elezioni in Kenya. La gente ha faticato, ha sfidato le piogge e il caldo in lunghe file in attesa pur di esprimere la propria preferenza. È comprensibile la loro rabbia. Soprattutto dopo che Kenyatta ha dichiarato, prima a Turkana poi a Makuweni, di non aver bisogno del loro voto. Certo, conosceva già l’esito delle elezioni e da dove sarebbero arrivati i voti.”

Le proteste dopo le elezoni in Kenya

Odinga ha accusato la Iebc, la Commissione elettorale, di complicità per non aver comunicato il tasso di afflunenza alle urne e per essersi rifiutata di comunicare i processi verbali che conterrebbero la prova dei risultati compromessi, trasmessi elettronicamente e diffusi sul sito web della stessa Commissione. Secondo i dati, circa 13 milioni di voti sono stati contabilizzati sui 19,6 milioni di elettori iscritti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali