FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

India, disordini dopo la condanna del guru: almeno 28 morti e 1000 arresti

Centomila seguaci, scortati da 600 agenti in tenuta antisommossa, hanno atteso in piazza il verdetto. La pena per Gurmeet Ram Rahim verrà stabilita da una giuria. 250 i feriti negli scontri

Ventotto persone sono morte in India nei disordini avvenuti in seguito alla condanna per violenza sessuale del guru Gurmeet Ram Rahim. Il coprifuoco è stato imposto nelle città di Panchkula e Sirsa, e misure speciali sono state introdotte anche a Noida, alla periferia di New Delhi.

India, disordini dopo la condanna di un guru: almeno 25 morti

Sono oltre centomila i seguaci di Ram Rahim Singh che si sono radunati nella capitale dello stato di Haryana in attesa del verdetto: le autorità hanno messo in campo oltre 600 agenti in assetto antisommossa in previsione dei possibili disordini provocati da un'eventuale condanna. Come previsto dal sistema britannico, in seguito al verdetto di coplevolezza, l'entità della pena verrà stabilita da una giuria decisa dal giudice e resa nota il 28 agosto. L'agenzia di stampa Pti riferisce di oltre 1000 arresti, 28 morti e 250 feriti. Secondo fonti ufficiali, gli scontri avvenuti a New Delhi e in altre città del Punjab, dell'Haryana e del Rajasthan, sono stati molto violenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali