FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Papa arriva in Bangladesh e ringrazia per lʼaiuto ai profughi rohingya

"Eʼ necessario che la comunità internazionale attui misure efficaci nei confronti di questa grave crisi", ha detto il Pontefice

Il Papa ha ricordato la generosità del Bangladesh "nel suo slancio umanitario a favore dei rifugiati affluiti in massa dallo Stato di Rakhine (i rohingya)" che "è stato fatto con non poco sacrificio e sotto gli occhi del mondo intero". "E' necessario che la comunità internazionale attui misure efficaci nei confronti di questa grave crisi", ha detto nel suo primo discorso in Bangladesh, nel palazzo presidenziale Bangabhapan.

"Nessuno di noi può mancare di essere consapevole della gravità della situazione, dell'immenso costo richiesto di umane sofferenze e delle precarie condizioni di vita di così tanti nostri fratelli e sorelle, la maggioranza dei quali sono donne e bambini, ammassati nei campi-profughi. È necessario - ha raccomandato il Pontefice - che la comunità internazionale attui misure efficaci nei confronti di questa grave crisi, non solo lavorando per risolvere le questioni politiche che hanno condotto allo spostamento massivo di persone, ma anche offrendo immediata assistenza materiale al Bangladesh nel suo sforzo di rispondere fattivamente agli urgenti bisogni umani".

Nel presentarsi alle autorità del Paese Bergoglio ha voluto sottolineare il fatto che "il Bangladesh è una nazione che si sforza di raggiungere un'unità di linguaggio e di cultura nel rispetto per le diverse tradizioni e comunità, che fluiscono come tanti rivoli e ritornano ad arricchire il grande corso della vita politica e sociale del Paese"."Nel mondo di oggi - ha ammonito - nessuna singola comunità, nazione o Stato, può sopravvivere e progredire nell'isolamento. In quanto membri dell'unica famiglia umana, abbiamo bisogno l'uno dell'altro e siamo dipendenti l'uno dall'altro".

Presidente del Bangladesh al Papa: "Grazie per la sua forte difesa dei rohingya" - Il presidente del Bangladesh Abdul Hamid, ricordando al Papa che il proprio governo ha "dato riparo a un milione di rohingya scacciati" dal Rakhine, ha rimarcato la "molto lodevole posizione" del Papa "in favore dei rohingya perseguitati e la sua appassionata voce contro tale brutalità". Ciò, ha detto, "dà speranza per la soluzione della crisi. La sua vicinanza a loro, la richiesta di aiutarli e di assicurare loro pieni diritti, dà alla comunità internazionale la responsabilità di agire con prontezza e sincerità".

Il presidente Hamid ha ricordato le terribili persecuzioni subite dal popolo dei rohingya, "migliaia di loro, compresi donne e bambini, brutalmente uccisi, migliaia di donne violate", la fuga in Bangladesh "per fuggire le atrocità perpetrate dall'esercito del Myanmar". Il presidente ha espresso anche "sincera gratitudine" per la creazione da parte del Papa del primo cardinale della storia del Bangladesh, l'arcivescovo di Dacca Patrick D'Rozario, e ha ricordato l'opera del primo ministro, signora Hasina, contro la povertà. Il Bangladesh è il quinto Paese più povero del mondo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali