FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il ciclone Idai si abbatte su Mozambico, Zimbabwe e Malawi: almeno 150 morti

Alluvioni, case distrutte e blackout: nel complesso sono più di un milione e mezzo le persone coinvolte, tra cui centinaia di dispersi

Mozambico, Zimbabwe e Malawi sono stati colpiti da un ciclone Idai che ha provocato almeno 150 vittime e centinaia di dispersi. Nelle aree rurali più povere in decine di migliaia sono isolati a causa delle strade fuori uso e di blackout telefonico. Sono in complesso più di un milione e mezzo le persone colpite dal violento ciclone nei tre Paesi dell'Africa Australe, secondo dati Onu e fonti governative ufficiali.

Il ciclone Idai si abbatte su Mozambico, Zimbabwe e Malawi: decine di vittime

Il centro maggiormente danneggiato è la città portuale mozambicana di Beira, dove è stato chiuso l'aeroporto, non c'è elettricità e molte case sono distrutte. Già nella giornata di venerdì il ciclone tropicale aveva provocato alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe.

Le forti piogge hanno devastato edifici, strade, porti e colture e i governi del Malawi e del Mozambico hanno dichiarato lo stato di emergenza e chiesto l'aiuto internazionale. Idai si è abbattuto sui Paesi africani con venti che soffiano sino a 225 chilometri orari. I cittadini erano stati infatti invitati a prepararsi allo "scenario peggiore".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali