FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gran Bretagna, staccata la spina: morto il piccolo Isaiah

Lʼannuncio è stato dato dal papà e dalla mamma: "Orgogliosi del nostro bambino". A gennaio lʼAlta Corte britannica si era pronunciata per la fine dei trattamenti contro il loro volere

Gran Bretagna, staccata la spina: morto il piccolo Isaiah

E' morto il piccolo Isaiah Haastrup, il bimbo di un anno al centro in Gran Bretagna di una battaglia legale fra medici e genitori sul diritto a "staccare la spina". L'annuncio è stato dato dal papà e dalla mamma, dopo lo spegnimento dei macchinari che tenevano in vita il bambino al King's College Hospital di Londra. A gennaio l'Alta Corte britannica si era pronunciata per la fine dei trattamenti contro il volere dei genitori.

In settimana anche la Corte europea dei diritti umani aveva respinto l'ultimo ricorso di Takesha Thomas e Lanre Haastrup. Isaiah, vittima di "un catastrofico danno cerebrale" alla nascita causato da mancanza d'ossigeno, aveva mantenuto un barlume di coscienza, ma per i medici non aveva ormai speranze di miglioramento.

Il papà: "Orgoglioso del mio bimbo" - Il padre si è detto "orgoglioso" del suo "coraggioso bambino", mentre il King's College ha ribadito di aver assicurato al piccolo "il miglior trattamento" disponibile e ha reso omaggio alle sofferenze della famiglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali