FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Parigi, gilet gialli in piazza a un anno dalla prima protesta: arrestate 61 persone

Alta tensione nella Capitale francese tra manifestanti e polizia. Molti i controlli degli agenti nelle aree vietate ai contestatori

E' il weekend della collera in Francia. I gilet gialli sono scesi in piazza a un anno dalla prima protesta del movimento, nato il 17 novembre 2018, e 61 persone sono state arrestate. Lo fa sapere il prefetto Didier Lallement, precisando che la polizia ha effettuato oltre 1.500 controlli nelle aree vietate ai contestatori. I dimostranti identificati facevano parte del movimento noto come "ultra-giallo". 

In Place d'Italie si sono presentate circa 3mila persone ma i black block hanno subito creato disordini, lanciando lacrimogeni, incendiando cassonetti, danneggiando bus, negozi e auto. 

 

La prefettura di Parigi ha quindi deciso di vietare le manifestazioni sugli Champs-Elysees e in altri settori di Parigi, da venerdì alle 18 sino a domenica. Le aree vietate, secondo una nota diffusa su Twitter, sono Champs-Elysees e Avenue de la Grande Armee, Assemblee Nationale, Hotel Matignon, Trocadero e Tour Eiffel, Senat, stazione Saint-Lazare, Notre-Dame de Paris, Bois de Boulogne e Bois de Vincennes. 

 

Scontri a Parigi, gilet gialli in piazza a un anno dalla prima protesta

"Le persone di buona fede lascino la piazza". E' stato l'appello del prefetto della Capitale. "Dopo gli scontri e i roghi - ha precisato - la polizia agirà in modo molto deciso, arrestando tutti quelli che lanciano sassi o sono a volto coperto". In totale i fermati sono stati 105.

 

L'Eliseo ha fatto sapere che il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, "segue con attenzione quanto sta accadendo a Parigi". "Il presidente - si apprende - constata che non ci sono molti gilet gialli a place d'Italie, ma soprattutto dei casseur". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali