FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Germania, muore a 106 anni Brunhilde Pomsel, la segretaria di Goebbels

Alla domanda se provasse rimorsi aveva risposto serena: "Se sono colpevole io lo è tutto il popolo tedesco"

È morta a 106 anni Brunhilde Pomsel, ex segretaria del ministro della Propaganda nazista, Joseph Goebbels. Ne ha dato notizia il regista Christian Krones, autore del documentario "Una vita tedesca", nella quale la donna ha raccontato la sua storia e i suoi anni al servizio di uno dei gerarchi nazisti più conosciuti, ribadendo di non essere mai stata a conoscenza riguardo i piani di sterminio di massa degli ebrei. Secondo Krones, la donna è morta il 27 gennaio, proprio il giorno in cui si celebra la giornata della memoria per ricordare le vittime dell’Olocausto.

Nata a Berlino nel 1911, lavorò prima come stenografa per un avvocato ebreo e poi come dattilografa per un nazionalista di estrema destra. Per un breve periodo gli incarichi coincisero fino al 1933, anno dell'ascesa di Hitler, quando venne trasferita all’ufficio trasmissione del Reich per poi passare al Ministero della Propaganda al fianco di Goebbels. Alla fine della seconda guerra mondiale, venne condannata a cinque anni di carcere in Unione Sovietica. Scontata la pena, tornò in Germania dove iniziò a lavorare in radio e si sposò.

Nel giorno del suo 100esimo compleanno, nel 2011, per la prima volta parlò in pubblico di Goebbels e alla domanda riguardo la sua reponsabilità nei piani di sterminio, rispose: "Non provo nessun senso di colpa. Se sono colpevole io lo è anche il popolo tedesco".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali