FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gb, "sterilizzare i disoccupati": scoppia la bufera su leader dei giovani Tory

Frase shock di Ben Bradley, 28enne deputato conservatore britannico in piena ascesa, nominato dalla May vicepresidente del partito

Gb, "sterilizzare i disoccupati": scoppia la bufera su leader dei giovani Tory

La vasectomia come ricetta per evitare al "vasto mare dei disoccupati perditempo" di mettere al mondo "quattro o cinque figli, mentre noi ne facciamo al massimo uno o due". Parola di Ben Bradley, 28enne deputato conservatore britannico in piena ascesa, appena nominato da Theresa May vicepresidente del partito e responsabile dei giovani Tory con l'obiettivo di riconnettersi a una generazione che alle ultime elezioni ha votato in massa per il Labour di Jeremy Corbyn.

Parole pesanti, scritte in un blog nel 2012 ma rese ora di pubblico dominio, destinate inevitabilmente a scatenare una bufera. L'ambizioso Bradley si è affrettato a scusarsi: "Il tempo che ho trascorso in politica da allora - ha dichiarato - mi ha consentito di maturare e oggi comprendo che quel linguaggio non è appropriato".

E tuttavia lo scandalo resta, tanto più che secondo molti non è solo questione di linguaggio. Cat Smith, delegata al dossier giovanile nel governo ombra laburista, evoca toni "ripugnanti" che "svelano l'atteggiamento vergognoso dei Conservatori verso i disoccupati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali