FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gb, costretto a matrimonio combinato
si ribella: ora vive sotto protezione

Promesso in marito allʼetà di 5 anni, a 19 il ragazzo si è opposto, ma dopo le minacce la polizia è intervenuta per garantirne la sicurezza

Quando si parla di matrimonio combinato, vengono in mente casi di cronaca nei quali giovani donne vengono costrette dai propri genitori a tornare nel Paese d’origine per sposare un uomo mai visto prima. Questa volta però la polizia del South Yorkshire, Inghilterra, è intervenuta per proteggere un ragazzo di 19 anni, le cui nozze erano state organizzate da quando ne aveva 5. L'episodio è accaduto il 19 giugno e ora il giovane vive sotto protezione, assieme ai tre fratelli più piccoli. Per ragioni di sicurezza, gli agenti non hanno diffuso altri dati riguardo l'identità della vittima, non si può quindi conoscere la nazione d'origine della famiglia.

Le minacceFin dai primi anni di vita, il ragazzo era stato promesso in matrimonio a una persona che non ha mai conosciuto. Ora, a 19 anni, la sua famiglia stava organizzando il viaggio per celebrare le nozze, ma il giovane si è rifiutato. Così ha iniziato a ricevere minacce perché non "rispettava gli accordi".

L'intervento della polizia"Mentre di solito riceviamo numerosi ordini di protezione nei confronti di ragazze e giovani donne obbligate a un matrimonio non deciso da loro", ha commentato i’ispettore Suzanne Jackson in una nota, "in questo caso la segnalazione è arrivata per un maschio". La polizia è intervenuta e ora il ragazzo e i suoi tre fratelli minori vivono in un posto sicuro.

Nel 2014 è stato introdotto in Gran Bretagna un ordine di protezione per tutti coloro che sono costretti a sposarsi contro la loro volontà. Chi vuole obbligarli, invece, può ricevere una condanna anche fino a sette anni di carcere. "Il matrimonio forzato, come tutti i casi di abuso, non è solo un atto contro la legge, ma è anche deleterio per l’esistenza della vittima, che spesso sono obbligate ad accettare l’abuso", ha concluso Jackson.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali