FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fukushima 5 anni dopo, il Giappone si ferma per ricordare le vittime del disastro

Lʼ11 marzo 2011 un violento sisma/tsunami provocò la morte di circa 18.000 persone e diede il via catastrofe nella centrale nucleare Dai-ichi

Fukushima 5 anni dopo, il Giappone si ferma per ricordare le vittime del disastro

Il Giappone si è fermato per ricordare le vittime del triplice incidente che colpì la nazione esattamente 5 anni fa, l'11 marzo del 2011, con il sisma/tsunami costato la vita a circa 18.000 persone e la catastrofe nucleare nella centrale di Fukushima. Durante la cerimonia al Teatro Nazionale di Tokyo, a cui hanno partecipato l'imperatore Akihito con la consorte Michiko, assieme al premier Shinzo Abe, è stato osservato un minuto di silenzio.

Fukushima 5 anni dopo, il Giappone si ferma per ricordare le vittime del disastro

L'11 marzo 2011 un violento sisma/tsunami provocò la morte di circa 18.000 persone e diede il via catastrofe nella centrale nucleare Dai-ichi

leggi tutto

Le cerimonie di commemorazione si sono susseguite fin dall'alba nelle tre prefetture di Fukushima, Miyagi a Iwate. Centinaia le persone che si sono riunite in preghiera. Secondo l'Agenzia nazionale di polizia, l'onda dello tsunami che 5 anni fa devastò la costa nord est della regione del Tohoku, ha provocato 15.894 morti accertati e 2.561 dispersi, distruggendo e danneggiando circa 400mila edifici.

Ancora oggi nelle tre prefetture quasi 58mila persone vivono nei complessi di prefabbricati adibiti a centri di accoglienza, per gran parte persone anziane vulnerabili a problemi fisici e mentali connessi all'incidente. Gli sfollati totali si aggirano intorno ai 174mila.

Dibattito aperto sul nucleare - Mentre il processo di smantellamento dell'impianto di Fukushima prosegue senza sosta, si infiamma sempre più il dibattito tra l'opinione pubblica, preoccupata da una dipendenza dal nucleare, e l'esecutivo del premier Shinzo Abe, deciso ad un riavvio delle centrali con maggiore sollecitudine nel rispetto di standard di sicurezza più elevati. In un sondaggio a livello nazionale dell'agenzia Kyodo, due terzi dei governatori, sindaci e amministratori locali domandano una riduzione dell'impiego del nucleare, mentre alcuni auspicano una chiusura definitiva dei reattori.

Radioattività 35 volte superiore alla norma - "Dopo cinque anni è ancora allarme" a Fukushima, dove "i livelli di radioattività" risultano "35 volte superiori alla norma". Lo riferiscono gli esperti di Green Cross, associazione ambientalista che ha effettuato i campionamenti nella prefettura del centro nipponico per valutare gli attuali rischi per l'uomo e l'ambiente. L'organizzazione lancia anche un "appello alle autorità per estendere il raggio di evacuazione dalla centrale nucleare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali