FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Esplode lʼhashtag #MuslimBan con le storie di chi non potrà entrare negli Usa

Dopo lʼordinanza di Trump, sono 500mila le persone anche con regolare documento che rischiano di non poter rientrare nel Paese

Esplode l'hashtag #MuslimBan con le storie di chi non potrà entrare negli Usa

Sotto l'hashtag #muslimban vengono denunciate su Twitter le storie dei musulmani che per primi stanno pagando sulla propria pelle le conseguenze dell'ordinanza firmata da Donald Trump. Si tratta del documento con cui vengono bloccati, per i prossimi 120 giorni, gli ingressi negli Stati Uniti di rifugiati provenienti da Siria, Iraq, Iran, Sudan, Somalia, Libia, Yemen.

Una utente scrive per esempio un tweet in cui ringrazia Donald Trump per avere protetto la patria impedendo alla suocera iraniana di fare ingresso negli Usa con il suo carico di "pericolose" pentole:

Ma il problema non riguarderebbe soltanto i rifugiati che devono entrare negli States per la prima volta, ma anche cittadini regolarmente residenti nel Paese che ne sono usciti temporaneamente e adesso devono rientrarvi. Come nel caso raccontato su Twitter da Sara Amy: "Il padre di un mio amico iraniano-americano è adesso in Iran per una visita. È possessore di green card, ma sotto il bando anti musulmani non potrà rientrare negli Usa".

Altri si trovarono improvvisamente nella condizione di non poter più vedere i parenti che vivono in paesi colpiti dall'ordine esecutivo senza rischiare il respingimento nel viaggio di ritorno:
 

Dal momento che l'ordine esecutivo coinvolge anche "forestieri" e "stranieri", potrebbe avere un impatto su circa 25mila cittadini di paesi vicini al terrorismo ma che sono negli Usa con regolare visto. In totale circa 500mila persone con carte verdi, ma nate nei paesi in lista nera e che si trovavano all'estero quando il documento è stato firmato da Trump, potranno potenzialmente essere bloccate nel momento in cui faranno ritorno negli Stati Uniti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali