FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Egitto, i legali dei Regeni: "Le autorità vogliono chiudere i nostri uffici"

Secondo i consulenti della famiglia, "la tempistica dellʼispezione non è una coincidenza dopo la pubblicazione di un dossier sulle sparizioni forzate in Egitto"

Egitto, i legali dei Regeni: "Le autorità vogliono chiudere i nostri uffici"

Il Coordinamento egiziano dei diritti e le libertà (Ecfr), che sostiene gli sforzi della famiglia Regeni per ottenere la verità sulla morte del figlio Giulio, denuncia il tentativo di "intimidazione" delle autorità egiziane, con una visita a sorpresa nell'ufficio di Ecfr con l'obiettivo di chiuderlo". I legali presenti hanno replicato che la chiusura dell'ufficio era "illegittima perché la loro Ong opera in conformità con la legge egiziana".

in una nota si ricorda ancora che, nell'ottobre 2016, un'altra commissione dell'Autorità per le Investigazioni aveva fatto una visita a sorpresa simile.

Dossier scomodo per le autorità - Per l'Ong "questa visita è un altro tentativo di mettere sotto silenzio la società civile in Egitto. La tempistica della visita non è una coincidenza, perché meno di un mese fa, Ecrf ha pubblicato la sua relazione annuale sulle sparizioni forzate in Egitto. Il rapporto ha documentato 378 casi tra il mese di agosto 2016 ed il mese di agosto 2017 e ha etichettato gli apparati egiziani di sicurezza come l'attore principale di queste violazioni. Inoltre, il 5 settembre 2017, il governo egiziano ha bloccato il sito web di Ecrf". L'Ong ricorda inoltre che "non è una coincidenza il fatto che i suoi legali vedranno presto i familiari di Giulio Regeni per continuare ad aiutarli nell'indagine".

Sisi a Gentiloni: fare verità su Regeni - "Il rafforzamento delle relazioni politiche fra i due paesi e tutti gli sviluppi circa il caso dell'accademico Giulio Regeni" sono stati fra i temi affrontati mercoledì dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e dal capo di Stato egiziano Abdel Fattah Al Sisi nel loro incontro a New York a margine dei lavori dell'Assemblea Generale dell'Onu. Lo ha reso noto un comunicato della presidenza egiziana. "Le due parti si sono trovate d'accordo sul proseguimento della stretta cooperazione e continua fra gli inquirenti dei due paesi. Il presidente ha confermato la determinazione totale dell'Egitto a portare alla luce la verità su questo caso e ad assicurare i colpevoli alla giustizia".

"Sono state esaminate questioni regionali e internazionali e la situazione in Libia", ha riferito ancora il portavoce aggiungendo che Sisi "ha sottolineato l'importanza di giungere a una soluzione politica in modo da mantenere la sovranità e la sicurezza territoriale" del Paese nordafricano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali