FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Covid: Londra annuncia il liberi tutti, Parigi revocherà il Super Green pass | A New York stop mascherine al chiuso

Il picco dei contagi sembra superato un po' ovunque, tanto da ipotizzare la fine dell'emergenza pandemica nel breve termine e l'avvio di una fase di convivenza col virus

Sempre più indizi portano ad ipotizzare la fine dell'emergenza pandemica nel breve termine e l'avvio di una fase di convivenza più o meno pacifica con il Covid.

In Europa l'allentamento delle restrizioni procede senza intoppi e Londra, ancora una volta, è pronta a bruciare le tappe eliminando quelle residue il 21 febbraio, un mese prima del previsto. La Francia da parte sua punta alla revoca del Super Green pass a fine marzo. La spinta ad un ritorno alla normalità è forte anche oltreoceano, tanto che New York abbandona le mascherine al chiuso.

Johnson annuncia il liberi tutti: dal 21 febbraio basta restrizioni in Gb

I britannici per primi si sono liberati delle mascherine e di quasi tutto il resto, a fine gennaio, quando le autorità hanno deciso di tornare al piano A: più vaccinazioni e quasi nessuna restrizione. E se le attuali tendenze "incoraggianti" saranno confermate, il governo annullerà prima del previsto anche l'obbligo di autoisolamento in caso di positività, passo decisivo per convivere con il coronavirus, trattandolo come un'endemia e non più come una pandemia. La data fissata è il 21 febbraio, il primo giorno della pausa di metà mandato dei parlamentari, ossia un mese prima rispetto al 24 marzo, ha annunciato il premier Boris Johnson. Questa settimana, tra l'altro, decadrà anche l'obbligo di test per i vaccinati che arrivano nel Paese.

 

 

La Francia pronta a revocare il Super Green pass a fine marzo

In Francia preoccupa ancora il livello dei ricoveri, ma ci sono "motivi per sperare" che "alla fine di marzo-inizio aprile" si possa "revocare il Pass vaccinale", ha spiegato il portavoce dell'esecutivo Gabriel Attal, parlando del certificato equivalente al Super Green pass adottato dall'Italia. La condizione deve essere un tasso di incidenza "sensibilmente ridotto, 10 o 20 volte meno" rispetto a quello attuale, ma in base alle proiezioni "ci sono ragioni per sperare che in questo orizzonte temporale la situazione sarà migliorata abbastanza da consentirci di revocare queste misure", ha aggiunto Attal. Il percorso a tappe di revoca delle restrizioni in Francia è partito nei giorni scorsi, in linea con quanto stanno facendo tanti altri Paesi, dall'Italia alla Spagna, dall'Olanda al Belgio.

 

Il picco dei contagi sembra superato un po' ovunque

In Scandinavia si è tornati ad un sostanziale liberi tutti ed alla fine del tracciamento di massa. In Svezia i test non saranno più gratuiti neanche per i sintomatici, perché considerati i costi non sono più giustificabili, hanno spiegato le autorità sanitarie. La variante Omicron continua a circolare in tutto il continente e non risparmia neanche capi di Stato e di governo (sono risultati positivi il re di Spagna, la regina di Danimarca ed il premier sloveno), ma il picco dei contagi sembra superato un po' ovunque e soprattutto i sistemi sanitari stanno reggendo, grazie all'efficacia dei vaccini ed alla minore gravità di questa mutazione del virus.

 

Stop mascherine al chiuso a New York, ma restano a scuola e sui mezzi Anche negli Stati Uniti l'eccezionale ondata invernale si sta attenuando. Per Anthony Fauci il combinato disposto di vaccinazioni, cure e guarigioni dovrebbe presto rendere il Covid più gestibile, ed il consigliere della Casa Bianca per la pandemia ha auspicato la fine della stretta nei prossimi mesi. A New York, nel frattempo, la governatrice Kathy Hochul ha revocato l'obbligo di mascherina al coperto (ma non a scuola e nei mezzi pubblici) e l'obbligo da parte dei commercianti di chiedere il certificato di vaccinazione ai clienti. Altri Stati, dal New Jersey alla California, si sono già mossi, altri ancora sono pronti a farlo.

 

Nuova Zelanda, proteste contro le restrizioni anti Covid

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali