FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cina, muore di peste bubbonica: villaggio in lockdown

Negative ai test le persone entrate in contatto con la vittima. Nel 2019 un altro caso: alla base il consumo di animali crudi o poco cotti

Trentino Alto Adige

Le autorità della regione cinese della Mongolia Interna hanno posto in isolamento un intero villaggio dopo la morte di un residente provocata dalla peste bubbonica: lo riporta la Cnn. Le autorità hanno sigillato il villaggio di Suji Xincun e sottoposto a test tutti gli abitanti, che sono risultati negativi. Nessun pericolo di contagio anche per le nove persone che erano entrate in contatto diretto con il paziente, sottoposte a quarantena preventiva. 

Il decesso è stato comunicato alle autorità di Baotou domenica scorsa e la conferma della diagnosi è giunta giovedì, ha reso noto la Commissione sanitaria del Comune di Baotou. L'8 luglio scorso le autorità della regione avevano chiuso diverse località turistiche a seguito della conferma di un altro caso a Bayannur. 

 

A novembre 2019, sempre nella Mongolia Interna, erano stati registrati alcuni casi di peste bubbonica e polmonare. Alla base della malattia ci sarebbe il consumo di marmotte o conigli consumati crudi o poco cotti. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali