FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cesare Battisti dal Brasile: "Se sarò estradato in Italia mi uccideranno"

Il terrorista che ha chiesto asilo politico nel Paese sudamericano ha paura di unʼoperazione illegale: "Hanno già dimostrato di poterlo fare"

Cesare Battisti dal Brasile: "Se sarò estradato in Italia mi uccideranno"

Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane". "Ho paura della violenza fisica", ha aggiunto il terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi.

"Loro hanno già dimostrato in diverse occasioni che sono capaci di tutto", precisa Battisti. "Ciò di cui ho paura è un'operazione illegale con mercenari italiani", aggiunge, segnalando che "hanno cercato di sequestrarmi nel 2015" e "il problema 15 giorni fa a Corumbà", nel nord della Bolivia. L'asilo politico di Battisti rischia di essere revocato dal presidente Michel Temer senza più la protezione di Dilma Rousseff e Lula, accusati di corruzione nell'inchiesta Petrobras.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali