FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cecenia, denuncia shock: "Gay rinchiusi in un campo di concentramento"

Alcune ex caserme militari trasformate per "correggere uomini dallʼorientamento sessuale non tradizionale". La Farnesina si attiva

Cecenia, denuncia shock: "Gay rinchiusi in un campo di concentramento"

"Ci hanno torturati con la corrente elettrica e picchiati con dei tubi: volevano sentirci dire che siamo gay": arrivano dalla Cecenia le testimonianze di chi è stato arrestato e picchiato perchè omosessuale. Sarebbero almeno un centinaio gli uomini detenuti illegalmente in un centro di prigionia ad Argun, un'ex caserma a pochi chilometri dalla capitale Grozny, la cui esistenza sarebbe subito stata smentita dalle autorità cecene.

Il mondo dell'associazionismo e della politica è insorto contro le carceri cecene, dove sarebbero avvenute le torture sugli omosessuali. Anche la Farnesina si è mobilitata chiedendo che sia fatta chiarezza. "Attivati uffici Farnesina per informazioni su situazione gay in Cecenia e sulla denunciata inaccettabile violazione dei diritti umani", ha scritto su Twitter il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova.

Un primo reportage "omicidio dell'onore", che raccontava di arresti di massa e di almeno tre morti è stato liquidato dai vertici ceceni come "calunnia" e "pesce d'aprile mal riuscito". Poi il quotidiano russo Novaya Gazeta ha rilanciato la notizia e aperto una hot line assieme agli attivisti del gruppo pietroburhese "Rete LGBT", che ha raccolto diverse testimonianze e racconti su persone che hanno perso la vita o sono state costrette alla fuga a causa del loro orientamento sessuale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali