FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catalogna, Assange: è iniziata la prima guerra mondiale del web

"Quello che accade tra Barcellona e Madrid è il più significativo conflitto tra il popolo e lo Stato dalla caduta del Muro di Berlino a oggi", ha twittato il fondatore di WikiLeaks

"La prima guerra mondiale del web è iniziata in Catalogna, dove popolo e autorità locali hanno utilizzato internet per organizzare il referendum e l'intelligence spagnola ha attaccato, oscurato i network, occupato i palazzi delle compagnie telefoniche, ha censurato siti e protocolli". Lo ha scritto Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, su Twitter. "Quello che accade è il più significativo conflitto tra il popolo e lo Stato dalla caduta del Muro di Berlino.

"Quello che accade - aggiunge Assange - è il più significativo conflitto tra il popolo e lo Stato dalla caduta del Muro di Berlino a oggi, ma con i metodi del 2017, Vpn, proxy, chat criptate per sorvegliare e censurare il web".

"Il fantasma strutturale del dittatore Franco plana ancora sulle istituzioni e sulla politica spagnole": per questo secondo il fondatore di WikiLeaks, intervistato alla radio catalana Rac1, Madrid ha risposto con "pugno duro" e "repressione" alla decisione della Catalogna di convocare un referendum sull'indipendenza, mentre in Scozia in una situazione identica "si è potuto votare senza pressioni o censura dal governo britannico".

Assange ha definito "molto grave per gli standard europei la repressione" attuata dalla Spagna contro la Catalogna e la "censura" delle pagine web accusate di "sedizione". "La Spagna ha applicato una censura di tipo cinese" ha accusato. Secondo Assange "ciò che si sta procedendo in Catalogna, la sua lotta per l'autodeterminazione, per il diritto di decidere di poter votare, è la situazione politica più interessante in questo momento in Europa". La Catalogna, ha aggiunto, "segnerà un precedente circa il tipo di democrazia che avremo in Europa e nel mondo occidentale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali