FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Canada, spari in una moschea di Quebec City: 6 morti. Arrestato uno studente

Ucciso anche lʼimam. Nellʼestate del 2016 una testa di maiale era stata lasciata sulla porta di ingresso del Centro culturale islamico. La persona incriminata è un franco-canadese di 27 anni

Strage in una moschea di Quebec City, in Canada, dove una persona ha aperto il fuoco urlando "Allah Akbar": il bilancio è di 6 morti e 8 feriti, alcuni dei quali gravi. Per l'attacco è stato arrestato e incriminato il franco-canadese Alexandre Bissonnette, di 27 anni. Il primo ministro, Justin Trudeau, ha parlato di un "attentato terroristico contro i musulmani".

Canada, sparatoria in una moschea di Quebec City: 6 morti

Due persone inizialmente fermate - Tra le 6 vittime c'è anche l'imam della moschea mentre degli 8 feriti, 5 sarebbero in gravi condizioniInizialmente si pensava che a commettere la strage fossero state due persone, fermate dalla polizia. Ma secondo quanto riferito dalle stesse autorità canadesi, l'autore della sparatoria è solo uno, il 27enne franco-canadese Alexandre Bissonnette. L'altro fermato, invece, Mohamed Khadir, di origini marocchine, sarebbe stato sentito come testimone e poi rilasciato.

A carico del killer sei capi d'accusa per omicidio - Il kille risulta esssere uno studente della locale università Laval, vicino alla moschea. L'università Laval è la più antica università in lingua francese del Nord America, con circa 42 mila studenti. A suo carico sono stati presentati sei capi d'accusa per omicidio di primo grado, e cinque capi d'accusa per tentato omicidio.

Site: "Al sospetto piacevano Trump e Le Pen" - Ad Alex Bissonnette "piacevano Trump, Marine Le Pen e le forze di difesa israeliane su Facebook, rendendo improbabili i legami con la Jihad'': così ha scritto su Twitter l'analista israeliana Rita Katz, direttrice di Site Intelligence Group, società Usa che si occupa di pubblicare tutte le attività online delle organizzazioni jihadiste. 

I testimoni parlavano di due uomini - Alcuni testimoni avevano raccontato che, durante la preghiera della sera, erano stati due gli uomini armati a entrare nella moschea e ad aprire il fuoco sui presenti. Sempre secondo i racconti di chi era presente sul posto, i due uomini avevano un "cappuccio nero" e "un forte accento del Quebec". Al momento nessun movente è stato confermato. Nell'estate del 2016 una testa di maiale era stata lasciata sulla porta di ingresso del Centro culturale islamico del Quebec.

Il cordoglio del primo ministro Trudeau - "Stasera i canadesi piangono per le persone uccise in un attacco codardo in una moschea a Quebec City. I miei pensieri sono per le vittime e le loro famiglie" ha scritto in un tweet il primo ministro canadese Justin Trudeau dopo aver appreso la notizia dei morti nella sparatoria.

Il primo ministro del Quebec, Philippe Couillard, ha definito l'atto "violenza barbarica" e ha espresso solidarietà alle famiglie delle vittime. Il ministro della Sicurezza Pubblica Ralph Goodale, sempre su Twitter, si è detto profondamente rattristato per la perdita di vite umane.

Strage nella moschea di Quebec City

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali