FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Afghanistan, attaccata sede di Save The Children: 6 morti e 24 feriti | Liberate 45 persone dello staff

Il commando era composto da cinque uomini. Un kamikaze si è fatto esplodere allʼingresso. Lʼong sospende tutte le attività nel Paese. LʼIsis ha rivendicato lʼattentato

Un commando di 5 uomini ha attaccato la sede della ong Save The Children a Jalalabad City, in Afghanistan. Il bilancio è di 6 morti (tre erano membri della Ong) e di 24 feriti. Un kamikaze si è fatto esplodere all'ingresso, permettendo al commando di penetrare all'interno. Dopo 10 ore di assedio, i terroristi sono stati uccisi. Circa 45 membri dello staff sono stati liberati dalle forze di sicurezza afghane. L'Isis ha rivendicato l'attacco.

Afghanistan, attaccata la sede di Save The Children a Jalalabad

L'attacco, terminato alle 19 locali (le 15,30 italiane), è avvenuto intorno alle 9 (le 5,30 in Italia). Testimoni hanno riferito di scene di panico nella zona e della fuga degli alunni di una scuola privata che si trova vicino alla sede di Save The Children.

"Ho avvertito un'enorme esplosione, simile a un'autobomba. Noi ci siamo messi al riparo e ho visto un uomo armato di un rpg (lanciarazzi) sparare contro l'ingresso principale per entrare nel compound", ha raccontato un testimone in ospedale, Mohammad Amin, che è scappato saltando da una finestra e si è ferito a una gamba.

Save The Children sospende le attività in Afghanistan - L'organizzazione ha dichiarato di essere "devastata dalla notizia dell'attacco del nostro ufficio di Jalalabad in Afghanistan". Tutte le attività nel Paese sono state sospese. "Siamo sconvolti e inorriditi dalla violenza contro il nostro staff ma determinati a riprendere quanto prima le nostre attività ", ha aggiunto la Ong spiegando che "da oggi l'homepage del sito e gli account social dell'Organizzazione diventano neri in segno di cordoglio per le vittime dell’attacco di oggi e per tutti gli operatori umanitari che nel mondo hanno perso la vita mentre lavoravano per proteggere i bambini e le loro famiglie".

Ue: "Attacco a Save The Children un affronto a umanità" - L'attacco terroristico contro è "una grave violazione del diritto internazionale umanitario". Così in una nota congiunta l'Alto rappresentante Ue Federica Mogherini ed i commissari per le crisi umanitarie e allo Sviluppo, Christos Stylianides e Neven Mimica. "E' un affronto a tutte le organizzazioni umanitarie, all'umanità, e dimostra un palese disprezzo per il benessere e il futuro di tutti i bambini afgani, che si affidano al lavoro dedicato degli altri".

Isis rivendica l'attacco - Il gruppo terroristico dello Stato islamico ha rivendicato la responsabilità dell'attacco. La rivendicazione è stata pubblicata dall'organo di propaganda dell'Isis, Amaq. Nel comunicato si legge che "tre martiri hanno partecipato all'attacco contro le fondazioni britanniche e svedesi e le istituzioni governative afghane", riferimento allo Swedish Comittee per gli affari umanitari e al ministero afghano delle donne, situati nei pressi della sede dell'ong.

In precedenza il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, aveva negato su Twitter responsabilità nell'attentato: "Attacco odierno nella città di Jalalabad: nulla a che vedere con i mujaheddin dell'Emirato islamico".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali