FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Troppa plastica in mare, Greenpeace: "Riciclare non basta, meno produzione"

Una maxibottiglia galleggiante nel golfo di Camogli per richiamare lʼattenzione di chi governa sui rifiuti che devastano i fondali del mare. Appello al ministro dellʼAmbiente

Troppa plastica in mare, Greenpeace: "Riciclare non basta, meno produzione"

Una bottiglia di plastica formato gigante che galleggia sul mare di Camogli, in Liguria: è la provocazione scelta da Greenpeace per chiedere al ministro dell'Ambiente di intervenire per dire basta all'invasione della plastica, soprattutto quella usa e getta. Meno plastica nel Mediterraneo, per favore, twittano gli attivisti mentre cominciano a Bruxelles i negoziati per rivedere le direttive sui rifiuti.

Le trattative riguardano Parlamento, Consiglio e Commissione europea e l'appello dell'associazione ecologista è per un intervento che risolva il problema alla radice. Riciclare non basta, dicono a Greenpeace, e chiedono al ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti di intervenire sulla produzione. La proposta è di eliminare gradualmente la plastica monouso e applicare un sistema tale da garantire "che i produttori e gli importatori si facciano carico dei costi di smaltimento e gestione dei rifiuti".

Un intervento improcrastinabile, avvertono gli ambientalisti, dal momento che, dicono, "le spiagge e i fondali del mare sono invasi dalla plastica, che rappresenta circa l'80% dei rifiuti marini". Gli attivisti di Greenpeace hanno cominciato la loro campagna antiplastica partendo da Genova sulla loro nave Rainbow Warrior per raccogliere dati scientifici e testimonianze, con la collaborazione dell'Istituto di scienze marine del Cnr di Genova, la Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli e l'Università politecnica delle Marche. Si eseguono prelievi, si esaminano campioni di fondali marini, si analizzano gli organismi dei pesci, per analizzare la salute delle nostre coste, dei fondali e degli animali che li popolano. E si cerca di sensibilizzare la politica per un intervento che riduca drasticamente l'inquinamento. A cominciare dalla produzione.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali