FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La cimice asiatica "divora" la nostra agricoltura, Centinaio: al più presto tavolo al ministero

Il ministro delle Politiche agricole dichiara impegno massimo per contrastare la proliferazione dellʼinsetto che sta danneggiando lʼagricoltura al Nord

"Convocherò al più presto il tavolo interministeriale di crisi con le associazioni di categoria e le Regioni per affrontare definitivamente la questione della cimice asiatica". L'ha affermato il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio. La cimice asiatica è il nuovo flagello dell'agricoltura del Nord Italia, che sta recando danni enormi nelle campagne ed il rischio di azzerare il settore ortofrutticolo in Emilia-Romagna e Veneto.

Il parassita, inoltre, si sta diffondendo a macchia d'olio anche nelle regioni vicine, come Lombardia, Trentino e Friuli-Venezia Giulia. Come ha spiegato Centinaio "in questi mesi al ministero abbiamo portato avanti un attento lavoro di monitoraggio per analizzare la diffusione della cimice, il Crea ha avviato sperimentazioni con prove in campo e in laboratorio per poter introdurre gli antagonisti naturali che possano debellare l`insetto. Ora è arrivato il momento di metterci intorno a un tavolo e ascoltare le richieste che ci arrivano dal mondo agricolo. Il nostro impegno è massimo".


"Intendiamo contrastare immediatamente la proliferazione di questo insetto - ha sottolineato Centinaio - che sta mettendo in ginocchio l`agricoltura e danneggiando i nostri frutteti e predisporre stanziamenti specifici per venire incontro alle aziende agricole in crisi. Non lasceremo soli gli agricoltori e faremo il possibile - ha concluso il ministro - per aiutare le centinaia di aziende agroalimentari danneggiate da questo flagello".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali