FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Stop a licenziamenti su WhatsApp e Teams, arriva la stretta del governo

Le nuove norme impongono al datore di lavoro che voglia chiudere una sua sede o o un reparto di dare comunicazione scritta a sindacati, Regionii e ministero almeno 90 giorni prima dell'avvio della procedura

Stop ai licenziamenti su WhatsApp e Teams e scatta l'obbligo di comunicare con le istituzioni o i sindacati. Sono alcuni dei punti centrali della nuova stretta alle delocalizzazioni al vaglio del governo, che pensa a un decreto ad hoc o a percorrere la via dell'emendamento alla Manovra. Le nuove norme puntano a evitare che le aziende chiudano per delocalizzare le produzioni senza avere prima trovato delle soluzioni per i lavoratori.

Dunque, secondo quanto riporta La Stampa,  al fine di garantire la salvaguardia del tessuto occupazionale e produttivo le nuove norme impongono al datore di lavoro che voglia chiudere una sua sede, uno stabilimento, una filiale, un ufficio o un reparto autonomo situato sul territorio nazionale, di dare comunicazione scritta a sindacati e Regioni interessate, ai ministeri del Lavoro e dello Sviluppo e all'Anpal almeno 90 giorni prima dell'avvio della procedura, indicando le ragioni economiche,finanziarie, tecniche o organizzative della chiusura e quindi il numero ed i profili professionali delle persone interessate. Una misura chiesta a gran voce soprattutto da M5s e Pd dopo il recente licenziamento "selvaggio" della Caterpillar di Jesi che ha annunciato di mandare a casa oltre 260 lavoratori durante un incontro con i sindacati.

 

Le misure sono previste anche per regolamentare i licenziamenti individuali, dopo i casi di dipendenti lasciati a casa tramite un messaggio su WhatsApp, una mail oppure una comunicazione su Teams . Questi, come quelli collettivi, se effettuati in assenza di comunicazione o prima del termine dei 90 giorni "sono nulli". Oltre a questo entro 60 giorni dalla prima comunicazione ogni azienda dovrà elaborare un piano per limitare le ricadute occupazionali ed economiche legate chiusura e presentarlo a sindacati, Regioni,ministeri e Anpal e dovrà indicare gli interventi per la gestione non traumatica degli esuberi (ricorso ad ammortizzatori sociali,ricollocazione presso altri datori di lavoro e incentivi all'esodo). 

 

Le sanzioni a carico delle imprese inadempienti, su cui nei mesi scorsi si era già arenato il pacchetto antidelocalizzazioni, restano ancora tutte da definire.

 

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali