FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Squinzi: ci sono segnali di ripresa ma la paura peserà sullʼeconomia

Il terrorismo "pesa sullʼeconomia globale - spiega il presidente di Confindustria allʼassemblea degli industriali di Napoli - e anche quella italiana ne risentirà"

Squinzi: ci sono segnali di ripresa ma la paura peserà sull'economia

"La paura del terrorismo pesa sull'economia globale e anche quella italiana ne risentirà". Lo ha detto il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi all'assemblea dell'Unione industriali di Napoli. Il leader di Viale dell'Astronomia ha però precisato che, nonostante i numeri negativi prodotti dalla Crisi, vede mezzo pieno il bicchiere del Mezzogiorno, per cui intravede segnali di ripresa anche nel 2016.

Nel giorno in cui l'Istat certifica che il divario tra Nord e Sud è aumentato in termini di reddito e di Pil, Confindustria vede il bicchiere mezzo pieno per il Mezzogiorno di cui evidenzia i dati in controtendenza su turismo, export e nuovi occupati. Anche se su tutta l'economia nazionale - avverte il numero uno di viale dell'Astronomia Giorgio Squinzi - pesa la paura del terrorismo.

"Pesa sull'economia globale - spiega Squinzi - Tuttavia è ai dati positivi che bisogna dare importanza non perché la crisi sia passata ma perché indicano la strada da percorrere, quella delle imprese".

"In effetti - ha ricordato - i numeri negativi prodotti dalla crisi ci sono tutti e non possono essere trascurati, né negati: il Pil meridionale del 2014 è di 50 miliardi inferiore a quello del 2008 e ci sono oltre mezzo milione di occupati in meno. Tuttavia in questi mesi abbiamo guardato non alle imprese che hanno chiuso i battenti, ma a quanti hanno superato la crisi. Così come abbiamo salutato positivamente l'aumento degli occupati al Sud (+120mila nella prima parte dell'anno), l'andamento positivo dell'export (+3,5% nello stesso periodo), la ripresa della natalità e il calo delle cessazioni delle imprese. Ed è molto positivo - ha osservato Squinzi - che sia di pure di poco, il segno più torni a farsi vedere nelle previsioni per il 2016 relative all'economia del Mezzogiorno".

In questo senso Confindustria giudica "interessanti le linee guida per la definizione del Masterplan per il Mezzogiorno, in quanto invitano le amministrazioni e le istituzioni, a tutti i livelli, a confrontarsi non con astratte linee di programmazione, ma con le concrete necessita' dei sistemi produttivi locali".

"Con queste linee guida - ha precisato - il governo trasferisce a livello locale l'onere e l'onore di far emergere fabbisogni, potenzialità, idee e progetti coerenti con le caratteristiche del sistema economico. E' una scelta - ha proseguito il leader di Confindustria - che chiama in causa i territori meridionali e tutte le forze, istituzionali ma anche economiche e sociali".

Idee e progetti che devono concretizzarsi in risultati concreti. Squinzi elenca cinque sfide "per trasformare la Campania e il Mezzogiorno da problema a soluzione". E per fare l'agognato salto di qualità. Nell'ordine un piano per la rigenerazione urbana di Napoli; un grande sforzo di integrazione a completamento della rete infrastrutturale; il rilancio del porto di Napoli; la valorizzazione economica del patrimonio culturale e un rinnovato impegno a favore della ricerca. "Situazioni concrete - conclude il leader di Confindustria - che rappresentano solo l'inizio di tante azioni, tutte alla nostra portata". E tutte con al centro l'impresa "unica forza che può portare il Sud e il Paese fuori dalla crisi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali