FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, spunta il "bonus facciate": detrazioni al 90% per chi ristruttura

Il ministro per dei Beni Culturali Dario Franceschini entusiasta: "Una norma coraggiosa che renderà più belle le nostre città italiane"

All'interno della manovra. approvata dal Governo, spunta il "Bonus facciate". Si tratta di una misura che prevede una detrazione al 90% delle spese per chi decide di ristrutturare gli esterni di palazzi e condomini. La norma sarà introdotta a partire dal 2020.

Entusiasta su Twitter il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, che  scrive: "Nella legge di bilancio una norma coraggiosa che renderà più belle le città italiane. Con il #bonusfacciate un credito fiscale del 90% per chi rifà nel 2020 la facciata di casa o del condominio, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni". La proposta trae ispirazione da una famosa legge francese degli anni sessanta, la cosiddetta loi Malraux, che ha cambiato l'immagine di molte città della Francia. 

 

Oltre al bonus facciata, vengono anche prorogate le detrazioni per la riqualificazione energetica, gli impianti di micro-cogenerazione, le ristrutturazioni edilizie e quelle per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe energetica elevata a seguito di ristrutturazione della propria abitazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali