FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fisco: il peso delle tasse locali sulle imprese italiane

Secondo Confcommercio, il 35% degli imprenditori sostiene che la pressione fiscale rappresenta il principale ostacolo per chi vuole avviare unʼazienda

Fisco: il peso delle tasse locali sulle imprese italiane

Quanto certificato dalla UIL – l'aumento delle tasse locali a carico delle famiglie (IMU, TASI, TARI, addizionali IRPEF comunali e regionali) avvenuto tra il 2013 e il 2015 – fa il paio con l'incremento delle imposte locali pagate dalle imprese italiane evidenziato da una recente analisi di Confartigianato.

Secondo i dati raccolti da ITWorking elaborati da Confartigianato, nel 2014 i piccoli imprenditori hanno versato nelle casse dello Stato mediamente 11.164 euro per il pagamento dell'IRAP, delle addizionali IRPEF comunali e regionali, dell'IMU e della TASI.

Complessivamente le piccole imprese italiane – l'indagine considera un'azienda composta da due lavoratori indipendenti e tre dipendenti a tempo indeterminato con un immobile produttivo di proprietà – hanno pagato 70 miliardi di euro di tasse: il 29,5% in più rispetto ai 54,5 miliardi del 2011.

Il peso del fisco varia da regione a regione: lo studio sottolinea che in Campania, in Calabria e nel Lazio il prelievo fiscale supera abbondantemente i 12mila euro l'anno, oscillando tra i 12.547 euro campani e i 12.305 euro laziali. Mentre la Valle d'Aosta, la Sardegna e il Friuli-Venezia Giulia 'offrono' un trattamento fiscale "più conveniente", chiedendo rispettivamente alle piccole imprese un esborso medio pari a 8.216, 9.467 e 9.648 euro l'anno.

Le tasse rappresentano così un impegno economico non indifferente per gli imprenditori italiani. Stando al rapporto Paying taxes 2015 della Banca mondiale e PwC relativo al 2014, il carico fiscale complessivo per le imprese – sintetizzato nell'indicatore total tax rate, che non rappresenta la pressione fiscale – è pari al 64,8% dei profitti commerciali: in miglioramento rispetto al 2013, ma comunque superiore alla media europea pari al 40,6%.

In occasione di un'indagine Confcommercio-Format Research, il 34,8% degli imprenditori italiani ha indicato nelle tasse una delle principali difficoltà da superare per chi vuole avviare un'impresa. Difficile sorprendersi, però. I rapporti diffusi periodicamente dalle principali organizzazioni internazionali ed italiane (Banca mondiale, Fondo monetario internazionale…) hanno sottolineato il peso eccessivo del fisco e della burocrazia nel nostro Paese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali