FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Buone performance dal manifatturiero, ma bisogna colmare i divari territoriali

Nell’ultimo anno la produzione manifatturiera è cresciuta del 2,3%, ma rimane ancora indietro rispetto ai livelli pre-crisi (-24,4%)

Buone performance dal manifatturiero, ma bisogna colmare i divari territoriali

Certamente non bisogna dimenticare fattori come il calo del prezzo del petrolio, il cambio euro-dollaro favorevole e il QE della Banca centrale europea, ma l'Italia sta evidenziando una risalita che potrebbe finalmente aver messo la parola "fine" alla recessione. Ne è convinto anche il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che lo ha sottolineato nel corso del meeting Produzione e commercio: come cambia la globalizzazione.

In particolare dalle rilevazioni del Centro studi Confindustria emerge che la risalita dell'industria manifatturiera, sebbene all'inizio sembrasse zoppicare un po', è iniziata nella seconda metà del 2014, per rafforzarsi nei mesi seguenti.

Guardando ai singoli comparti salta immediatamente all'occhio l'importante crescita riportata dalla produzione di motoveicoli e rimorchi, +70%, o – anche se di entità più lieve – la risalita del farmaceutico, delle bevande, dell'abbigliamento e dei macchinari e attrezzature: +15%. Bene anche i mobili, +10%, mentre segnano ancora variazioni negative il legno, i prodotti in metallo e la pelletteria (-3,4%).

Secondo il Csc, nonostante il +2,3% registrato nell'ultimo anno, la produzione manifatturiera è ancora indietro del 24,4% rispetto al 2007, segno della presenza di alcune criticità: il divario tar Nord e Sud su tutte. In questo senso si pone il Masterplan del Governo per il Mezzogiorno.

Attraverso lo stanziamento (grazie anche ai fondi strutturali, FESR e FSE; ai fondi di cofinanziamento regionale e al Fondo Sviluppo e Coesione) di 95 miliardi di euro, da qui al 2023, destinato alle politiche di sviluppo, il Masterplan si pone come obiettivo il rilancio del Sud partendo proprio dai punti di forza, del tessuto economico meridionale, che meglio hanno risposto alla crisi. A tal fine, solo nel 2016, secondo le previsioni dell'esecutivo, per gli interventi nel Mezzogiorno verranno investiti circa undici miliardi di euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali