FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Land of mine", la disumanità della guerra in una pagina di storia taciuta

Il film racconta la prigionia dei soldati tedeschi in Danimarca, trasformati da carnefici in vittime, dopo la resa del Reich nel maggio 1945. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva della pellicola, nelle sale dal 24 marzo

"Land of mine", la disumanità della guerra in una pagina di storia taciuta

Arriva al cinema "Land of mine – Sotto la sabbia", film del danese Martin Zandvliet che ha conquistato la critica al Festival del cinema di Toronto 2015 e la Festa del cinema di Roma, lo scorso ottobre. Un film che racconta una pagina poco nota della seconda guerra mondiale: la prigionia dei soldati tedeschi in Danimarca, dopo la resa del Terzo Reich, nel maggio 1945. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva del film, nelle sale dal 24 marzo.

Il film racconta la vicenda dei soldati tedeschi deportati e costretti a bonificare le spiagge danesi dalle mine che proprio l'esercito nazista aveva disseminato sotto la sabbia, temendo lo sbarco alleato. Oltre due milioni di ordigni che divennero la roulette russa di più di duemila prigionieri tedeschi. Soldati, che la storia racconta, erano solo adolescenti, visto che sul finire del conflitto il Reich arrivò ad arruolare anche i tredicenni. Più della metà non tornò mai a casa.

Vendetta, umanità e riconciliazione si dipanano nella vicenda realisticamente narrata del sorgente Rasmussen (Roland Moeller) e del gruppo di prigionieri che si ritrova a comandare in questo "Land of Mine", gioco di parole che in inglese indica sia "la terra delle mine" che "la mia terra, il mio Paese" (dal punto di vista dei danesi).

"La mia intenzione era quella di rivelare un episodio basato su un fatto storico che fa ancora vergognare particolarmente la Danimarca. - ha scritto il regista nelle sue note di regia - Non volevo assegnare colpe o puntare il dito; mi sembrava interessante fare un film che non guardasse i tedeschi sempre come mostri. In fin dei conti, è davvero solo un film sugli esseri umani".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali