FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Occhio al "junk food", il cibo spazzatura aumenta il rischio di ansia e depressione

Diversi studi rivelano il legame tra disordine alimentare e disturbi psicologici: nel mirino lʼabuso di snack, fritture, zuccheri raffinati e bibite gassate

Occhio al "junk food", il cibo spazzatura aumenta il rischio di ansia e depressione

Un consumo eccessivo di "cibo spazzatura" può causare forme anche gravi di ansia e di depressione. A rivelarlo è uno studio condotto in Iran e pubblicato su PubMed, che evidenzia il legame tra il fenomeno del cosiddetto "junk food" e lo sviluppo di disturbi psichici. Sfatato quindi il mito del mangiare dolci per "consolarsi": oltre a fritture, hamburger e bibite gassate, i nemici principali sono proprio cioccolata, zuccheri raffinati e snack.

Occhio al "junk food", il cibo spazzatura aumenta il rischio di ansia e depressione

I test - La ricerca è stato effettuata nella città di Esfahan su un campione di 3846 adulti di età compresa fra i 22 e i 55 anni. I test hanno svelato che una dieta a base di vegetali e derivati del latte è associata a un minore rischio di sviluppare disturbi psichici rispetto a un regime alimentare "disordinato". La raccomandazione degli scienziati è quindi quella di preferire l'assunzione di frutta, verdura e alimenti a basso contenuto di grassi e di ridurre al minimo il consumo di snack, prodotti lattiero-caseari ad alto contenuto di grassi, cioccolata, bevande gassate, dolci e dessert.

Ridurre gli zuccheri - Oltre alla ricerca realizzata in Iran, sono diversi gli studi che hanno indicato il cibo spazzatura come un potenziale fattore di sviluppo di ansia e depressione. Secondo uno studio della Columbia University pubblicato sull'American journal of clinical nutrition, ad esempio, gli alimenti ad alto indice glicemico - cioè che aumentano la concentrazione di glucosio nel sangue - "peggiorano" l'umore nelle donne, specialmente nel periodo compreso tra la menopausa e l'inizio della senilità (intorno ai 65 anni).

Il team americano ha inoltre scoperto che chi ha abusato di zuccheri e carboidrati raffinati - presenti nel pane, biscotti, pasta e cereali - è più esposto al rischio di malattie cardiovascolari e a stati infiammatori che a sua volta influenzano negativamente la psiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali