FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Allarme morbillo, il ministero: "Aumento preoccupante, +230% di casi in un anno"

Il boom perché "i genitori rifiutano la vaccinazione, nonostante le evidenze scientifiche". Lorenzin: "Applicare subito il piano vaccini"

Allarme morbillo, il ministero: "Aumento preoccupante, +230% di casi in un anno"

Da inizio anno è stato registrato un preoccupante aumento del numero di casi di morbillo in Italia con un incremento di oltre il 230% rispetto allo stesso periodo del 2016. Lo rende noto il ministero della Salute. La maggior parte dei contagi in Piemonte, Lazio, Lombardia e Toscana. Il motivo? "I genitori rifiutano la vaccinazione, nonostante le evidenze scientifiche e i provvedimenti di alcune Regioni", spiegano dal ministero.

"Il ministero attiverà ogni possibile procedura per garantire la piena realizzazione degli obiettivi del recente Piano nazionale di prevenzione vaccinale e per riguadagnare rapidamente le coperture vaccinali che si sono abbassate pericolosamente nel corso degli ultimi anni", ha assicurato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

"Nonostante il Piano di eliminazione del morbillo sia partito nel 2005 e la vaccinazione contro il morbillo sia tra quelle fortemente raccomandate e gratuite, nel 2015 la copertura vaccinale contro il morbillo nei bambini a 24 mesi (coorte 2013) è stata dell'85,3% (con il valore più basso pari al 68% registrato nella PA di Bolzano e quello più alto in Lombardia con il 92,3%), ancora lontana dal 95% che è il valore soglia necessario ad arrestare la circolazione del virus nella popolazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali