FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Allarme miopia tra i giovani: tutta colpa degli smartphone

Preoccupazione tra gli oculisti. Intanto si celebra la giornata mondiale della vista: in molte città italiane sarà possibile sottoporsi a un check up gratuito

Allarme miopia tra i giovani: tutta colpa degli smartphone

Sempre più giovani soffrono di miopia. Nei prossimi dieci anni infatti il 40% degli under 25 avrà seri di problemi di vista, mentre già oggi la percentuale di ragazzi con disturbi visivi supera il 20%. Tutta colpa degli smartphone: i ragazzi passano troppe ore con gli occhi fissi sul telefonino. A lanciare l'allarme sono proprio gli oculisti che citano uno studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet.

Intanto il 12 ottobre si celebra la giornata mondiale della vista. Iapb Italia, sezione italiana dell'agenzia internazionale per la prevenzione della cecità, distribuirà opuscoli informativi e gadgets in 100 piazze italiane. E in molte città sarà possibile sottoporsi a check-up oculistici gratuiti.

Secondo uno studio nel mondo 25 milioni di persone soffrono di cecità irreversibile, mentre 227 milioni sono ipovedenti. Soltanto in Italia più di 360mila persone sono non vedenti e oltre un milione di italiani hanno una capacità visiva molto ridotta rispetto alla norma.

Per l'Organizzazione mondiale della sanità otto casi su dieci di cecità e ipovisione sono evitabili con adeguata cura e prevenzione. Da qui l'invito di Iapb a non sottovalutare i problemi alla vista e ad agire in maniera tempestiva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali