FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Aids, virus HIV "rimosso" per la prima volta da cellule infette grazie a un enzima

Unʼequipe della Temple University, negli Usa, ha impedito la replicazione del ceppo HIV-1 a livello genetico grazie allʼazione di "taglio" di una molecola proteica

La lotta all'Aids registra una conquista importante. Un team di ricercatori della Temple University, negli Stati Uniti, è riuscito a "rimuovere" completamente il virus HIV da un gruppo di cellule in laboratorio. E' la prima volta che una simile operazione viene realizzata a livello genetico, grazie a uno speciale enzima capace di "scovare" e "ritagliare" le sequenze di Dna destinate alla replicazione del virus.

Aids, virus HIV "rimosso" per la prima volta da cellule infette grazie a un enzima

Una scoperta storica - Negli ultimi cinque anni si sono registrati molti progressi nell'ambito della controllo e della cura dell'Aids. Nessuno, però, era mai riuscito a intervenire sul meccanismo di replicazione del virus a livello genetico. In particolare i ricercatori della Temple University sono riusciti a "cancellare" in laboratorio il ceppo HIV-1, la forma più facilmente trasmissibile dell'agente patogeno prevalentemente localizzata in Europa, America e Africa centrale. Il controllo e l'eliminazione di questo virus sono essenziali anche nei casi di "bassa" replicazione nel Dna, perché potrebbe provocare indebolimento del muscolo cardiaco, malattie delle ossa e renali e disturbi neuro-cognitivi.

L'enzima "cacciatore" - Per individuare ed eliminare il virus, il team coordinato dal professore Kamel Khalili ha utilizzato uno speciale enzima capace di "scovare" le parti del Dna "infettate" dell'HIV-1. Operando un "taglio" all'inizio e alla fine di queste sequenze genetiche, la molecola "cacciatrice" impedisce la replicazione del virus e "salda" le due estremità della stringa di Dna orfane del pezzo mancante. Il risultato è l'isolamento di una sequenza genetica dell'HIV-1.

Verso una cura definitiva - In futuro le implicazioni di questa ricerca potrebbero rivelarsi determinanti per la cura definitiva dell'Aids. "E' la prova che ci stiamo muovendo nella direzione giusta - ha dichiarato Khalili - e presto vorremmo riuscire a rimuovere ogni singola ripetizione genetica del virus dai pazienti". Al momento il metodo dell'enzima "editor" si è rivelato efficace su tre tipologie di cellule fra i principali "bersagli" del virus HIV-1.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali