FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Medici Senza Frontiere: "Boicottare il soccorso in mare ha come conseguenza solo la morte"

A Stasera Italia Marco Bertotto, Responsabile Advocacy & Public Awareness dellʼassociazione, espone i dubbi sulle attuali politiche di gestione dellʼimmigrazione

"Ogni persona in meno che parte è una persona in più che soffre in centri di detenzione, in circuiti di traffico, in meccanismi di schiavitù che sono la Libia di oggi". Con queste parole Marco Bertotto, membro di Medici Senza Frontiere, commenta non solo la politica sull'immigrazione messa in atto dal Governo ma le stesse parole di Matteo Salvini, che a seguito delle proteste esorta chiunque a cercare un tweet dove abbia apertamente invitato di lasciar morire un essere umano in mare. "Il mio obiettivo è salvare tutti, soccorrere tutti" specifica il Ministro dell'Interno, al quale però Bertotto risponde che l'attuale soluzione di chiusura dei porti ha solo condotto a morte e sofferenze.

"C'è paura per le conseguenze di politiche sbagliate" aggiunge in merito alle foto che sono state diffuse ieri della donna e il bambino morti in mare e di Josefa, l'unica sopravvissuta al naufragio del barcone. "Paura per le conseguenze di una disattenzione al tema delle morti in mare". Boicottare il soccorso in mare, conclude, ha come unico risultato le immagini di cui siamo testimoni in questi giorni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali