FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Compravendita senatori, la Corte dei Conti ha aperto fascicolo su Berlusconi

Si indaga sui soldi finiti sul conto del Movimento Italiani nel Mondo che nel 2007 passò con Forza Italia, determinando la caduta del governo di Romano Prodi

Compravendita senatori, la Corte dei Conti ha aperto fascicolo su Berlusconi

La Procura della Corte dei Conti del Lazio ha aperto un fascicolo sui soldi finiti sul conto del Movimento Italiani nel Mondo di Sergio De Gregorio passato nel 2007 con Silvio Berlusconi, un cambio di casacca che determinò, tra le altre cause, la caduta del governo di Romano Prodi. E' stata delegata la Guardia di Finanza ad acquisire a Napoli gli atti del procedimento. Difficile invece che si possa approfondire la valutazione su quanto la vicenda della caduta del governo di centrosinistra per via dell'accordo possa avere impattato sui mercati finanziari.

Si tratta infatti di una valutazione complessa e legata a diversi fattori che difficilmente potrebbero essere condotti ad una sola ragione. Per questa vicenda Berlusconi, e Valter Lavitola, erano stati condannati in primo grado a tre anni per corruzione, ma poi tutto è caduto in prescrizione. Ad anticipare la notizia dell'apertura del fascicolo della Corte dei Conti è stato "Il Tempo".

Compravendita dei senatori, la vicenda giudiziaria

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali